SOVERATO (CZ). CONTROLLO STRAORDINARIO DEL TERRITORIO: ARRESTI, DENUNCE E MARIJUANA SEQUESTRATA NEI PRESSI DI UNA SCUOLA

Nel corso della mattinata odierna, nell’ambito di mirati controlli finalizzati alla prevenzione e alla repressione di reati in genere, i Carabinieri della Compagnia di Soverato, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia, hanno effettuato 2 arresti in flagranza di reato per furto di energia elettrica aggravato dalla violenza sulle cose, deferito in stato di libertà 4 persone e sequestrato 30 grammi di marijuana nei pressi  di una scuola. Nello specifico, l’attività si è svolta con l’impiego e la presenza sul territorio, nei centri cittadini e lungo la Strada Statale 106, di numerose pattuglie delle Stazioni Carabinieri e del Nucleo Operativo e Radiomobile. In particolare, sono state tratte in arresto due persone, titolari di un’attività commerciale, poiché, nel corso di controllo eseguito congiuntamente a personale della società Enel, è stato accertato un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica, realizzato mediante cavi conduttori in rame, sottoposti a sequestro. I prevenuti, espletate le formalità di rito, sono stati ristretti in regime di arresti domiciliari presso le abitazioni di residenza, in attesa dell’udienza di convalida. Inoltre, altre due persone sono state deferite in stato di libertà, poiché, all’esito di accertamenti, è emerso che hanno prodotto documentazione mendace, al fine di aggiudicarsi una gara d’appalto, relativa all’assegnazione di due unità immobiliari. Stessa sorte è toccata a due ragazzi del posto che sono stati sorpresi, nell’ordine, con un bastone gommato ricoperto da cavi in acciaio di circa mezzo metro e un coltello avente lama di 20 cm, mentre circolavano alla guida delle rispettive autovetture. Nel medesimo contesto, l’attività di contrasto alla diffusione di sostanze stupefacente, a tutela soprattutto dei più giovani, ha permesso di rinvenire, abilmente occultata nei pressi di un istituto scolastico di questo centro, circa 30 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, suddivisa in tre involucri, un bilancino di precisione e un grinder. Il suddetto materiale è stato sottoposto a sequestro e verrà inviato presso il L.A.S.S. (Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti) di Vibo Valentia. Sono in corso mirati approfondimenti investigativi al fine di individuare i reali detentori della sostanza.

SOVERATO, NASCE UFFICIALMENTE L’ASSOCIAZIONE DEI COMMERCIANTI

Riceviamo e Pubblichiamo Dopo i numerosi incontri avvenuti nella sala consiliare di Palazzo di Città e che hanno visto partecipe i commercianti rappresentativi delle diverse vie cittadine, in data 20.03.2017 è nata ufficialmente l’Associazione Commercianti di Soverato.

Unione, collaborazione e aggregazione hanno dominato le sedute ed attraverso un intento condiviso all’unanimità è stato eletto il Presidente nella persona di Maurizio Conati. Si è poi passati all’elezione del suo Vice Paolo Sia, del segretario Enza Voci, tesoriere Lino Gerace e dell’addetto stampa Vincenzo Destito. Il Direttivo è rappresentativo di quasi la totalità delle vie della città, ed è così composto: Fabio Pasceri, Maria Grazia Posca e Maria Grazia Vaccaro (Corso Umberto I), Antonio Maruca e Domenico Ursino (Via Carlo Amirante), Gennaro Esposito e Antonio Folino (Via San Giovanni Bosco), Antonella Procopio e Vittoria Caporale (Via Olimpia e limitrofi), Lilla Gatto e Ciro Santonicola (Via san Martino e Via della Vittoria), Daniele Perito (Via Chiarello e Via regina Elena), Beatrice Novembre (Piazza Casalinuovo e Piazza Maria Ausiliatrice), Giuseppe Andreacchio (Via Trento e Trieste). Fiero del risultato raggiunto al neo Presidente Conati ed alla squadra tutta va il mio più sincero in bocca al lupo. Il prossimo obiettivo sarà la Consulta del Commercio. L’Amministrazione Comunale è al vostro fianco.

Pietro Matacera

(Vice Sindaco)

‘Media e Minori: quali tutele fuori dalle aule di giustizia?

Catanzaro – “Media e Minori: quali tutele fuori dalle aule di giustizia?” è il titolo dell’evento che la Camera Minorile distrettuale “Polacco – Perrotta” di Catanzaro ha organizzato per venerdì prossimo, 31 marzo 2017, a partire dalle ore 15:30, nella sala conferenze della Camera di Commercio di Catanzaro, in via Menniti Ippolito. Il convegno, patrocinato dall’Unione Nazionale delle Camere Minorili, è stato accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Catanzaro  ai fini della formazione continua degli avvocati, con il rilascio ai presenti di tre crediti formativi.Particolarmente attuale il tema del convegno, così come particolarmente atteso il relatore: si tratta del Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria, Dott. Antonio Marziale, che sarà intervistato dal giornalista Ezio De Domenico, responsabile della redazione della Calabria dell’agenzia ANSA. Una intervista, aperta anche agli interventi e le domande del pubblico, che sarà introdotta dall’avvocato Rossana Greco, presidente della Camera Minorile distrettuale “Polacco – Perrotta” di Catanzaro, e dai saluti del Commissario della Camera di Commercio di Catanzaro, dott. Giorgio Sganga, e dal Presidente del Consiglio dell’Ordine distrettuale degli Avvocati di Catanzaro, Prof. Giuseppe Iannello. “Spazieremo tra i principali fatti di cronaca anche locale – ha anticipato l’avvocato Rossana Greco – per poi approfondire sulle diverse tematiche normative e giurisprudenziali per focalizzare su un problema molto attuale che interessa il mondo giovanile ma anche noi genitori e, più in generale, chiunque rappresenti un’agenzia educativa, famiglia, chiesa o scuola”. “Vorrei ringraziare sin da ora – ha concluso Greco – il giornalista Ezio De Domenico che ha accettato di buon grado di contribuire attivamente a questo incontro, e sono certa che stimolerà il dibattito anche da una prospettiva diversa dalla nostra”.

RETI IDRICHE E SERVIZI ALLE IMPRESE AGRICOLE, FAI CISL CHIEDE SOLUZIONI IMMEDIATE SUL PROBLEMA DENUNCIATO DAL CONSORZIO DI BONIFICA IONIO CATANZARESE

Reti idriche e servizi alle imprese agricole, il sindacato scende in campo e chiede soluzioni immediate per quanto concerne il problema denunciato dal Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese relativo alla danneggiata  condotta principale che corre lungo il fiume Simeri dalla condotta che alimenta la zona di Alli, oltre alla strada necessaria a raggiungere l’opera di presa e la vasca Simeri, presupposti, questi,  necessari e indispensabili per l’erogazione del servizio irriguo. Ai tanti problemi già presenti, insufficienza delle risorse  economiche, carenza dei mezzi,  rete obsoleta, si aggiunge anche questa ulteriore criticità.  Per la Fai Cisl di Catanzaro, Crotone e Vibo occorre intervenire subito, bisogna garantire servizi alle aziende e alla collettività, ma soprattutto tutela dell’occupazione nel comparto dei consorzi di bonifica che negli ultimi tempi a causa delle scelte, o meglio delle mancate scelte della politica regionale, ha avuto gravi problemi e pesanti ripercussioni economiche e sociali. Problematiche queste, sulle quali occorre necessariamente trovare immediate soluzioni. Per la Fai Cisl solo attraverso la partecipazione attiva e la condivisione tra parti sociali, associazioni datoriali, istituzioni e l’intervento incisivo politico ed istituzionale a tutti i livelli. E tutto questo, rimarca la Fai Cisl, indipendentemente dal colore politico. Infatti,  sottolinea l’organizzazione sindacale di categoria della Cisl, su questioni così importanti che riguardano i servizi alle aziende agricole, al territorio, alla sicurezza dei cittadini, non possono più esserci divisioni, ma soltanto unità d’intenti. Questo è l’approccio giusto, specie se si vogliono davvero trovare soluzioni ai problemi del comparto, partendo proprio dal ruolo dei consorzi di bonifica e dei tanti e qualificati lavoratori che, con le loro competenze e professionalità, hanno garantito servizi in situazioni difficili, ma alcuni dei quali purtroppo pur lavorando con dedizione e passione non hanno più,  evidenzia la Fai Cisl ricordando il recente licenziamento collettivo di 11 lavoratori e i lavoratori della rete di colo,  la fortuna di avere un posto di lavoro. Tutto questo si ripercuote negativamente sui servizi al territorio. La Fai Cisl domani sarà presente al tavolo per chiedere una  soluzione della problematica, che se non risolta, metterebbe a rischio la stagione irrigua oramai alle porte.

Cristo si è fermato a Eboli, Oliverio a Soverato…

di Francesco Pungitore*
Ricevo oggi dall’amico Ciccio Severino un generoso invito a partecipare, come presidente del Comitato “Trasversale delle Serre”, al convegno che si terrà il prossimo 30 marzo alle ore 17.30, a Soverato, dal tema “Nuova programmazione per lo sviluppo del territorio”. Sottotitolo: il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, incontra gli amministratori locali del Basso Jonio e delle Preserre. Rispondo “no, grazie” e spiego pure il perché.
1) A ben guardare, non essendo io né sindaco, né consigliere comunale, mi troverei fuori posto visto il tema generale della serata di cui, peraltro, credo già di poter anticipare lo svolgimento. L’inizio dei lavori, ottimisticamente fissato per le 17.30, slitterà di almeno due ore: il ritardo canonico del governatore. Seguirà una dissertazione generale di carattere molto teorico e poco pratico e, successivamente, visti i tempi stretti, scarso spazio verrà lasciato agli interventi del pubblico. Certo, qualche sindaco parlerà pure. Ma il tono sarà accondiscendente e remissivo. Quasi rassegnato. Come sempre. Nessuna rivendicazione, nessun accenno alle problematiche reali e drammatiche del comprensorio in oggetto emergerà in quella sede. Il Comitato, dunque, dovrebbe essere presente per svolgere quale ruolo?
2) E’ oltretutto singolare che, mentre da mesi e mesi il territorio discute in maniera autonoma delle aree interne spopolate e depresse come emergenza prioritaria da portare all’attenzione della politica regionale, il presidente decida di fermarsi a Soverato, in riva al mare, ben lontano dai cantieri, perenni come i ghiacciai, della Trasversale o dalle strade provinciali “bombardate” e chiuse del Vibonese. Non sarebbe stato molto più utile un suo intervento diretto sui territori delle Preserre e delle Serre che lamentano bisogni urgenti da risolvere nel silenzio più assoluto delle Istituzioni?
3) Un incontro con il presidente? E’ quanto chiediamo da tempo, insieme a decine di sindaci del comprensorio. Ma che sia un incontro mirato, efficace, che porti risultati, centrato sulle questioni vere da risolvere, a partire dalle infrastrutture che non ci sono. Questioni sulle quali nessuno, a quanto pare, ha intenzione di impegnarsi. Mai, del resto, abbiamo avuto il piacere di ospitare nelle nostre zone un rappresentante della giunta regionale, se non in occasione di comizi elettorali e cerimonie futili. Potremmo mai credere che cambierà qualcosa dopo l’iniziativa di Soverato?
*presidente Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato”

L’Associazione “Universo Minori” a Zagarise per il cineforum

L’ associazione “Universo Minori” con la presidente dottoressa Rita Tulelli ha nella mattinata organizzato il consueto cineforum dei ragazzi all’ istituto comprensivo di Zagarise guidato dalla preside Teresa Agosto. Proiettato il film: “La mafia uccide solo d’estate” Esso non è  il solito film di mafia,  E’ una commedia, amara e commovente per certi versi, ma sempre una commedia. Parla di vent’anni di storia palermitana raccontata dagli occhi di un ragazzo la cui vita è rovinata dalla mafia, ma non nel senso che si può immaginare. Ogni volta che cerca di far colpo su una ragazzina, succede qualcosa legata alla mafia che fa “saltare” i propri piani di conquista (tipo scrivere il proprio amore alla ragazzina sul marciapiede che salterà in aria nell’uccisione del giudice Rocco Chinnici).
Un film sull’importanza della consapevolezza, quella che spesso è mancata a molti giovani siciliani. Per il protagonista, complice la famiglia, la scuola e tutto l’ambiente, la mafia è come un’entità astratta.  Interessante il dibattitto dopo la visione del film con i ragazzi e  il sacerdote del comune zagaritano Don Antonio Ranieri, il vice preside Salvatore  Tulelli, ed i professori  Funari, Argirò ed Arone.

La redazione di S1TV , così come l'amministratore ed i moderatori del sito, non sono altresì responsabili per il contenuto dei messaggi inseriti dagli utenti all'interno dei commenti. Grazie e buona navigazione