STRAGE ISIS A DACCA, TRA LE VITTIME ANCHE IL FIGLIO DI UNA BADOLATESE

imageTra le vittime della strage, compiuta venerdì sera dai terroristi dell’ISIS in un bar-ristorante di Dacca, capitale del Bangladesh, figura anche Vincenzo D’Allestro, figlio di una badolatese, Carmela Abate.

Nato a Wetzikon, in Svizzera, l’imprenditore quarantaseienne – dopo aver vissuto per un certo periodo nel casertano, prima a San Potito Sannitico e poi a Piedimonte Matese, dove nel 1993 aveva sposato una donna originaria del luogo, Maria Assunta Gaudio – si era trasferito lo scorso anno ad Acerra, in provincia di Napoli. D’Allestro era solito recarsi nel paese asiatico per seguire le attività di un’azienda tessile.

La notizia della scomparsa di Vincenzo D’Allestro  ha sconvolto le tre comunità campane e quelle svizzera e calabrese (a Badolato, peraltro, D’Allestro aveva frequentato la scuola elementare): l’uomo, infatti, era conosciuto e apprezzato per le sue doti morali e professionali.