Con la festa reggae di Alborosie scende il sipario sulla Summer Arena di Soverato

Alborosie_4Con la festa reggae targata Alborosie la Summer Arena di Soverato ha chiuso la sua edizione 2016 con non poche soddisfazioni. Quasi 20 mila sono state le persone che sono arrivate a Soverato per partecipare ai concerti inseriti nella programmazione dell’area allestita dalla Esse Emme Musica di Maurizio Senese che ha anche organizzato la rassegna di spettacoli dal vivo «senza alcun contributo pubblico», ci tiene a precisare il promoter catanzarese.v«Sono stati due mesi intensi ma che ci lasciano pienamente convinti della bontà del progetto Summer Arena», ha aggiunto ancora Senese. Tra luglio e agosto, sul palco al campo Marino si sono alternati grandi nomi del panorama musicale e tanti generi, proprio per andare incontro al maggior numero di spettatori e pensare se non a tutti, quasi: dopo la straordinaria apertura di J-Ax e Fedez con il loro primissimo concerto-esperimento insieme, ci sono stati, è giusto ricordarlo, Fiorella Mannoia con il suo personale omaggio a Alborosie_3Lucio Dalla, Vinicio Capossela con i canti e i ritmi popolari delle “Canzoni della cupa”, poi ancora il rock graffiante di Gianna Nannini, il rap di Salmo e, solo ieri sera, il reggae di Alborosie. Tutti grandi artisti, tutte serate di successo, «anche grazie all’importante contributo delle forze dell’ordine, dei Carabinieri e della Guardia di finanza, oltre al supporto della Polizia municipale di Soverato, che hanno garantito per ogni appuntamento la sua perfetta riuscita» ha affermato Senese. E mentre ancora riecheggiano il sound di Alborosie, ma anche di Marvanza, Killacat e EasyOne che hanno aperto il concerto, è il momento di tirare le somme, tutte positive per l’organizzazione della Summer Arena: «Abbiamo ricevuto i complimenti da parte delle produzioni ospiti in queste settimane, ma anche da parte degli stessi artisti – ha raccontato Maurizio Senese -. In tutta Italia, e non solo, si è parlato e si parla ancora della Summer Arena di Soverato e della creazione di una simile area per gli eventi estivi dal vivo che in Calabria mancava». Adesso scende il sipario su questo primo anno, ma il pensiero è già rivolto a quello che verrà, nel 2017: «l’intenzione è di crescere» ha anticipato Senese, ma è ancora troppo presto per parlarne.