A Torre di Ruggiero “Sapori e Saperi 2”: lo sviluppo che può arrivare dalla Trasversale delle Serre

giornata del creato 2 copia 3Ripensare e riqualificare in modo sostenibile l’entroterra. Prende forma l’idea del Comitato “Sblocchiamo la Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato” che propone il secondo appuntamento “Sapori e Saperi della nostra Trasversale”. L’iniziativa è programmata per giorno 1 settembre a Torre di Ruggiero, a partire dalle ore 16,00. Al centro della riflessione le idee per ripensare e riqualificare in modo sostenibile il vasto territorio interessato dalla realizzazione della superstrada: una importante infrastruttura che solo a distanza di vari decenni e grazie alla tenacia dei cittadini è stata parzialmente aperta al traffico collegando Gagliato a Cardinale e Torre di Ruggiero. “La sfida che il Comitato pone alle località dell’entroterra – spiega la vicepresidente del Comitato Silvia Vono – nello specifico serrese, ma coinvolgendo per questa occasione anche le zone dell’Aspromonte, del Pollino, della Sila, del Reventino e della Catena costiera, è quella di un rilancio economico improntato all’eccellenza e alla sostenibilità ambientale per un vero sviluppo culturale di qualità che possa finalmente conferire dignità alle comunità territoriali che vorranno partecipare a questa importante attività di programmazione per creare opportunità imprenditoriali e occupazionali rivolte ai giovani che sono chiamati ad interessarsi con un nuovo sguardo alle loro terre d’origine. L’obiettivo del Comitato è, adesso che qualche piccolo risultato è stato ottenuto riguardo l’apertura della Ss 182 e pur essendo ancora lungo il periodo per aver il reale collegamento tra lo Jonio e il Tirreno, quello di stimolare la crescita sociale ed economica attraverso la valorizzazione delle risorse locali, lo stimolo dell’artigianato e delle produzioni  locali tipiche, l’impulso all’imprenditorialità locale, il rafforzamento dell’identità locale e lo sviluppo dell’accoglienza turistica con il contributo delle forze attive nei territori”. “Dopo la riuscita iniziativa del 28 luglio – prosegue Silvia Vono – il Comitato, in sintonia con l’iniziativa proposta dal Rettore del Santuario S. Maria delle Grazie di Torre di Ruggiero, nonché vicario episcopale, don Maurizio Aloise, ha organizzato un secondo appuntamento per vivere la nostra Trasversale in modo da dare risposte comuni, per risultare più credibili ed efficaci, proprio come afferma Papa Francesco. Ci piace ricordare che proprio a Torre di Ruggiero l’1 settembre 2016, Giornata mondiale di preghiera per la custodia del Creato, istituita ufficialmente da Papa Francesco come frutto della sua Enciclica Laudato si, tutti saremo chiamati ad una conversione ecologica  perché vivere la vocazione di essere custodi dell’opera di Dio è parte essenziale di una vita virtuosa. L’appuntamento è, quindi, per il primo del mese di settembre a tutti i cittadini che vorranno partecipare per vivere insieme non solo un momento di comunione e preghiera ma soprattutto per essere e sentirsi protagonisti della salvaguardia del territorio, sottoscrivendo un documento di impegno per la cura del creato redatto appositamente dal Comitato”.