Protezione civile: Tansi, interventi altrimenti mi dimetto “Sistema perverso alimentato da faide politiche blocca tutto”

carlo-tansiCATANZARO, Il responsabile della Protezione civile regionale, Carlo Tansi, minaccia le dimissioni se entro la prossima settimana non saranno adottati interventi per risolvere le problematiche che riguardano il suo settore. In un messaggio postato su facebook il geologo denuncia una situazione che “mette seriamente in pericolo – scrive – la sicurezza dei calabresi in caso di calamità”. “La sala operativa della Protezione civile regionale – afferma Tansi – continua a bloccarsi ogni volta che un temporale fa andare via la luce. Anche i sistemi informatici sono inesistenti e quando esistono sono fatiscenti e inadeguati per la gestione di grandi emergenze. Tutto questo accade nella regione tra le più esposte al mondo ai rischi naturali. I fondi europei che potevano risolvere queste condizioni da fantascienza della Protezione civile regionale rischiano di perdersi perché continuano a restare bloccati su quella maledetta scrivania di una funzionaria burocrate. In Regione, a causa di un perverso sistema burocratico-sindacale alimentato da una certa politica animata da faide interne, ogni banale pratica si trasforma quotidianamente in un muro di gomma circondato da sabbie sempre più mobili che impediscono il cambiamento”. Tansi riferisce di aver rappresentato la propria “frustazione e disagio a uno dei massimi rappresentanti dei vertici politici della regione. La risposta che mi é stata data é che sono tenuto ad osservare il comportamento deontologico che la legge mi impone in qualità di dirigente e che devo manifestare un comportamento più consono al mio ruolo: non posso palesare le mie difficoltà. Da persona libera, che ha sempre rispettato la libertà altrui, non posso reggere questa condizione. Non mi rimane dunque che dimettermi se queste situazioni non si risolveranno entro la prossima settimana”. (ANSA).