Il Mosaico del Drago del Museo Archeologico di Monasterace, vince il Concorso fotografico della BTMA di Paestum

listener-1Proviene dalla casa del Drago, unita’ abitativa dell area archeologica P.Orsi di Monasterace,trovato in una delle tre sale di rappresentanza, in una pregevole decorazione pavimentale, si tratta del Mosaico del Drago, risalente al III sec  AC,un drago marino , di inestimabile bellezza, con colori verde, marrone e con la cresta che si avvicina alla tonalita’ amaranto,poggiato su un fondo di tessere bianche.In quel periodo, si rappresentava con dipinti e mosaici. con figure animali realistiche che andavano a ornamentale le unita’ abitative .Una delle figure piu’ antiche e piu ‘ rappresentative della moderna Kaulonia,ossia di Monasterace, stesso mosaico sempre cercato e voluto dalla popolazione che nel 2011 , con una petizione popolare lo richiese alla Sovrintendenza e al Ministero, dato che si trovava a Reggio Calabria e tornando nella sua “casa originaria”, riveste il pezzo clou nel Museo Archeologico di Monasterace , dove e’ tuttora esposto.La sua foto , inviata da Gianpiero Taverniti,alla BMTA di Paestum, ha partecipato al III Concorso fotografico , nella oramai 19° Edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico,che si svolgera’ dal 27 al 30 ottobre 2016,piazzandosi al primo posto e fornendo di fatto la partecipazione attiva della Calabria Archeologica , nell’elite’ , nella vetrina settoriale , dando cosi una rilevante visibilita’ alla regione  e alla cittadina Jonica.

listenerGianpiero Taverniti. autore della foto, ha dichiarato:”Avendo ricevuto conferma della vittoria della nostra foto , mi preme ringraziare tutti per aver appoggiato uno dei miei tantissimi scatti fatit alla mia cittadina e alle sue ricchezze storico archeologiche. in particolare consentitemi una dedica speciale a una persona  ossia Luigi Lombardo (Artistalunatico)che amava e studiava l ‘arte , che oggi spero da lassu’ gioisca e indossi la maglia del Drago che gli regalai nell’ ultimo saluto e che nel suo passaggio  terreno ha difeso e valorizzato la cittadina monasteracese , insieme a me e a tutto il gruppo/comitato “Monasterace nel cuore”, ed insieme a lui avremmo detto  ABBIAMO vinto!

Annunci