Catanzaro, proclamati i 12 consiglieri provinciali

Palazzo della Provincia
Palazzo della Provincia

CATANZARO – Proclamati questa mattina i dodici consiglieri provinciali di Catanzaro eletti nella tornata amministrativa di domenica 23 ottobre. Il dottor Vincenzo Prenestini, direttore generale dell’Ente intermedio, guidato dal presidente Enzo Bruno, preso atto della comunicazione dell’Ufficio elettorale che ha concluso le verifiche dei verbali, ha proclamati eletti: sette consiglieri espressione della lista n.2 “Insieme per la Provincia” che fa riferimento al presidente dell’Ente Intermedio, Enzo Bruno, che ha totalizzato 54.308 voti complessivi:  Marziale Battaglia (6.724 voti), Giovanni Costanzo (6.694 voti), Marco Polimeni (5.777 voti), Francesco Severino (5.444 voti), Aquila Villella (4.810 voti), Davide Zicchinella (4.706 voti), Elisabeth Sacco (4.607); tre eletti espressione della lista n.1 “Centrodestra per la Provincia di Catanzaro” che ha totalizzato nel complesso 25.383 voti: Antonio Montuoro (4.893 voti), Armando Chirumbolo (4.581 voti), Giacomo Muraca (3.117 voti); due eletti per la lista n.3 “Alleanza Civica” che ha totalizzato 15.565 voti: Tranquillo Paradiso (5.571 voti), Rosario Lostumbo (2.951 voti). I neo consiglieri eletti, tutti presenti, accompagnati di familiari e amici, hanno preso posto negli scranni dell’aula Ferrara che occuperanno a partire dell’insediamento del nuovo consiglio che si terrà entro dieci giorni dalla proclamazione. Il presidente della Provincia, Enzo Bruno, si è congratulato con tutti i dodici consiglieri neo proclamati, ringraziando in particolare gli amministratori uscenti che non sono stati eletti e quelli riconfermati che “in questi due anni hanno collaborato al progetto politico-amministrativo che abbiamo messo in campo preziosa collaborazione di sindaci e consiglieri comunali”. L’auspicio del presidente Bruno, che ribadisce come nella collegialità amministrativa assicurata nei primi due anni di mandato è stato dato pieno compimento alla legge di riforma Delrio – la normativa che trasforma le Province in Aree Vaste – proprio nell’individuazione del consiglio provinciale come organismo di supporto al presidente dell’Ente intermedio, è che “si possa proseguire proficuamente in maniera sinergica nel percorso politico amministrativo avviato due anni fa. Un percorso – ribadisce il presidente Bruno – che ha fatto della Provincia di Catanzaro in punto di riferimento per tutta la Calabria, tanto da attribuirci un ruolo di primo piano anche in tavoli di confronto nazionale. Abbiamo garantito servizi di qualità, abbiamo dato risposte alle istanze di tutto il territorio senza distingue tra amministrazioni di serie A e amministrazioni di Serie B, abbiamo continuato a pagare gli stipendi e gli emolumenti accessori, cosa per nulla scontata in questa fase di trasformazione profonda e di difficoltà finanziaria. E lo abbiamo fatto tutti insieme con grande impegno, passione e sacrifici personali perché crediamo nella responsabilità a cui siamo chiamati a titolo gratuito: il bene comune, rispondere alle istanze delle nostre comunità. Ora – dice ancora il presidente rinnovando gli auguri a tutti i consiglieri provinciali – dobbiamo completare e incentivare gli organismi che non si sono espressi a farlo, prima di tutto la Regione: c’è bisogno di una legge regionale che definisca la perimetrazione delle Aree vaste e possa attuare un nuovo regionalismo. Siamo i protagonisti di questa fase che vedrà la realizzazione di un nuovo Ente con l’importante contributo dei sindaci e degli amministratori locali che si renderanno protagonisti di disegnare insieme un nuovo sistema delle autonomie locali. E la Provincia di Catanzaro vuole essere protagonista dello sviluppo dell’area centrale della Calabria che vede al proprio interno il Capoluogo della Regione”.