Siriano accusato di terrorismo, progettava un attentato Gratteri: aveva cellulare che gli serviva per dimostrare chi era

Guardia-di-FinanzaCATANZARO,  – Doveva compiere presumibilmente un attentato Abo Robeih Tarif, il siriano di 23 anni già detenuto perchè arrestato nel 2014 con l’accusa di essere uno scafista al quale stamattina la Guardia di finanza ha notificato un provvedimento di fermo per associazione per delinquere con finalità di terrorismo internazionale. Dal prosieguo delle indagini, é emerso lo scopo del viaggio del siriano in Europa: doveva compiere un attentato terroristico o, comunque, doveva filmarlo col suo telefono cellulare, sequestrato dalla Guardia di finanza dopo il suo arresto. “nel quale – ha riferito ancora Gratteri – abbiamo trovato foto con armi di ogni genere. Quel telefonino, per la sua importanza, può essere paragonato alla ‘copiata’ per gli ‘ndranghetisti. È il suo dna di appartenenza. Gli serviva per dimostrare chi fosse e di quale organizzazione facesse parte”. (ANSA).