“CIBO, NATURA, ABITARE” Vivere la cultura tra natura e stile: cibo, design, arte e paesaggio tra Calabria e Mediterraneo

 

ciboE’ possibile una via intelligente, un nuovo e diverso rapporto tra buon cibo, buon abitare e buon paesaggio? La via del cibo della migliore tradizione mediterranea, piuttosto che il cibo spazzatura o dei grandi chef, rende oggi possibile comprendere che cibo e tradizione, paesaggio e identità, abitare ecologico e naturale, siano una grande risorsa, anche se la Calabria –nell’Italia di oggi- fa fatica a riconoscerne e valorizzarne le potenzialità. A questa domanda, e ad altre questioni, tra ricette, luoghi, case e interni, tenta di rispondere il libro “Cibo Natura Abitare” che sarà presentato a Cosenza il 12 dicembre presso il Chiostro di San Domenico, Piazza Tommaso Campanella, con il Patrocinio del Comune di Cosenza, nel novero di iniziative della città in vista del Natale.

Sono state una serie di fortunate coincidenze e incontri, tra l’esperienza al nord, tutt’ora viva, e le origini mediterranee-calabresi, di Pino Scaglione, docente di Paesaggio dell’Università di Trento, ideatore e animatore del progetto Masseria Gelsi Rossi (Acri), a dare vita al libro Cibo Natura Abitare.

Un libro che fonde – in modo originale – ricette raccolte dalla migliore tradizione calabrese-mediterranea, e una nuova idea di paesaggio e di abitare naturale, elaborate e pensate nella Masseria-fucina Gelsi Rossi, un progetto creativo e di nuova imprenditorialità nel cuore della campagna acrese, con iniziative che ruotano attorno ai temi del design, il paesaggio, l’arte e il vivere naturale.

List&Books – laboratorio e casa editrice italiana-catalana – ha aperto con questo volume il percorso di una serie di libri- guida che spaziano tra gusto, cultura, luoghi, fotografia, architettura, paesaggio, design.

Cibo Natura Abitare, è il primo della collezione (stanno per uscire Siracusa, Marsala, Trento, Matera, e altri) pensato per dare corpo ad un percorso del curatore di amore per la propria terra, per una storia familiare che si svolge tra cibo e affetti, nel cuore del sud calabrese.

Un libro curato e raffinato, ma allo stesso tempo semplice, realizzato con l’intenzione di promuovere e proiettare, nel confronto con la dimensione Mediterranea, una nuova formula di fusione tra ricerca e produzione, bellezza, tradizione, innovazione in cui il design e il paesaggio sono ingredienti, insieme al cibo, di una formula capace di costruire nuove visioni e idee di futuro. Progettare con nuove capacità creative, con uno sguardo ampio che abbraccia luoghi, contesti sensibili, nuovi territori, materiali naturali, legno, architettura, cibo e design, paesaggio come terapia “antimetropolitana”, emergono come nuovo filo verde tra uomo, luoghi e natura, recupero di importanti tradizioni, oggetti e manufatti, artigiani e artigianalità.

Ripensando il ruolo della tradizione con gli strumenti di oggi, le StartUp di cui la Calabria è la terra più povera, o l’arte nel paesaggio unico della Calabria, come dialogo tra bellezza e nuovi sensi estetici, recupero di tradizioni eccellenti con rivisitazioni contemporanee.

Cibo, natura, abitare propone, con una sua unicità, sia ricette facili e naturali, che paesaggi straordinari, case semplici, eleganti, l’orto, la campagna e i prodotti agricoli come protagonisti di una nuova stagione del vivere e abitare tra la natura, mangiando sano, riscoprendo sapori, abitando e gustando il paesaggio, valorizzando il cibo di qualità, in un progetto emotivo e visionario di vicinanza e riscoperta del territorio. Soprattutto restituendo un ruolo centrale all’agricoltura, al recupero di manualità e originalità produttive, di sapori, odori, lavorazioni, produzioni, di case e luoghi destinati all’oblio.

Durante l’evento interverranno: il Sindaco Mario Occhiuto, Klaus Algieri, presidente della Camera di Commercio di Cosenza; Rosario Branda direttore di Confindustria di Cosenza; Arturo Crispino di Calabria Food, Silvia Destito, raffinata artista e performer calabrese, Emilio Salvatore Leo designer e titolare del Lanificio Leo, e una sequenza di ospiti che si confronteranno con pubblico e interlocutori, animando un confronto su presente e futuro attraverso la conviviali che il cibo, soprattutto in Calabria e al sud, riesce a stabilire.

            Mafalda Meduri

 

 

 

 

Advertisements