Investiti da treno: Polfer, impegno per prevenzione Controlli nelle stazioni e campagne di educazione per i giovani

ROMA   La morte di un tredicenne a Soverato, investito da un treno mentre si trovava con due coetanei forse per un selfie, “richiama ancora una volta – sottolinea la Polfer – l’attenzione sui pericoli presenti sullo scenario ferroviario, spesso poco noti o sottovalutati”. “Distrazioni, imprudenze, comportamenti scorretti sono per lo più alla base degli investimenti. I dati rilevati dalla Polfer nel corso del 2016 parlano di un’aumento della mortalità complessiva per incidente ferroviario accidentale del 63% rispetto all’anno precedente. 72 le vittime in particolare per investimento (+47%)”. “Due i fronti dell’impegno Polfer per ridurre il fenomeno: i controlli presso le stazioni, con circa 15.000 sanzioni elevate lo scorso anno, e tanta prevenzione con specifica attività di educazione e di sensibilizzazione degli studenti al rispetto delle regole nelle stazioni e sui treni per la propria ed altrui incolumità. Si chiama Train…to be cool il progetto, sostenuto dal Miur, che da 3 anni viene portato dalla Specialità nelle scuole di tutta Italia. Diverse anche le iniziative di piazza realizzate sui temi della sicurezza in ambito ferroviario in collaborazione con l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie ed alcune Federazioni sportive (Fir, Fip e Fipav). Oltre 170.000 i giovani raggiunti in tutto il territorio nazionale fino ad oggi”. (ANSA).

Advertisements