I PRESIDENTI DELLE PROVINCE CALABRESI ALLA REGIONE: SI TENGA CONTO DELLE NOSTRE EVIDENTI DIFFICOLTÀ GESTIONALI ED ECONOMICHE

CATANZARO –  Nota dei presidenti delle Province di Cosenza, Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia:
“Le Province italiane, e quelle calabresi in particolare, negli anni successivi all’entrata in vigore della legge di riordino degli Enti locali (cosiddetta “Delrio”), sono state messe a dura prova da difficoltà economiche e normative che hanno complicato lo svolgimento delle funzioni fondamentali assegnate, in particolare edilizia scolastica e viabilità.
Ma i servizi sono stati mantenuti, con grande senso di responsabilità ed efficienza, prima di tutto dei presidenti degli Enti intermedi che svolgono il proprio mandato senza indennità, nell’interesse prioritario della sicurezza dei cittadini.
Una premessa doverosa, questa, per spiegare le difficoltà e le problematiche di una situazione ormai insostenibile e per cui ci saremmo aspettati sostegno e solidarietà prima di tutto dalle articolazioni dell’Amministrazione regionale, a partire dai consiglieri che dovrebbero avere un contatto diretto con il territorio di cui dovendone rappresentare problematiche ed istanze. Abbiamo, invece, registrato attacchi ingenerosi e insinuazioni sul lavoro onesto e trasparente di quanti si spendono ogni giorno per continuare a mantenere alta la qualità di servizi fondamentali per la sicurezza dei cittadini.Tutti gli atti amministrativi\gestionali in materia di somme urgenze e\o affidamenti diretti  sotto soglia sono stati gestiti e redatti dai competenti dirigenti provinciali  seguendo, in maniera puntuale, quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare dagli articoli 36 e 163 del D.Lgs. n.° 50 del 2016. Così come, tutti gli atti amministrativi finali in materia di somma urgenza, vale a dire determine dirigenziali e\o delibere consiliari di riconoscimento del debito fuori bilancio ex art. 191 , 3 comma del T.U. N.° 267\2000, sono supportati da atti procedimentali che motivano e giustificano il percorso amministrativo. Forse le audizioni delle commissioni consiliari dovrebbero concentrarsi  su altri argomenti e altrove, perché le Province calabresi indebolite e depotenziate dalla legge 56\2014 ed in particolare la legge di stabilità 2015– che hanno tagliato drasticamente i trasferimenti per il triennio  2015\2017 agli Enti Provinciali – stanno facendo davvero miracoli per  continuare a riparare le strade inghiottite dalle frane e danneggiate
dal maltempo e mantenere le aule delle scuole di competenza quali
ambienti salubri e sicuri dove svolgere le lezioni. Il consigliere Bova dovrebbe sapere che questi tagli drastici hanno  creato gravi danni alle Province, specie a quelle calabresi, con  ripercussioni sullo stato di manutenzione ordinaria delle  strade  provinciali  e dell’edilizia scolastica degli istituti superiori. Ma  dalle audizioni condotte da Bova ci saremmo aspettati suggerimenti,  indicazioni e segnalazioni su come gestire la viabilità provinciale e  l’Edilizia scolastica, che assieme ad ambente e trasporti, rappresentano  le più importanti funzioni assegnate dalla Legge 56\2014 alle Province. Nessun contributo, infatti, è pervenuto da parte del presidente e dei  componenti della Commissione consiliare ai Segretari Generali presenti  ed auditi su come agire e rimuovere possibili problemi di incolumità  pubblica alla pericolosità di migliaia di chilometri di strade  provinciali del territorio calabrese  e dei tantissimi edifici
scolastici superiori che insistono nel territorio senza avere le risorse  economiche necessarie per poter attuare una minima programmazione  razionale. Le Province rischiano di non poter approvare il bilancio previsionale  2017 per mancanza del dovuto pareggio di bilancio (il termine per  l’approvazione che, per le sole Province,  è slittato al 30 giugno  2017). Venendo meno la possibilità di svolgere, per mancanza di fondi ed  incertezza normativa, una puntuale programmazione e quindi una  manutenzione ordinaria, in particolare delle strade provinciali, il  progressivo degrado delle infrastrutture in questione rende   praticamente inevitabile gli interventi in somma urgenza, proprio perché  le Province devono prioritariamente garantire l’incolumità pubblica degli utenti che fruiscono di 8 mila chilometri di strada e di centinaia di edifici scolastici in tutta la Calabria. Diciamo anche che la Regione Calabria certamente non ha brillato in  questi anni nel sostenere con prontezza le quattro province calabresi. A  distanza di ben tre anni ancora aspettiamo i trasferimenti dei fondi   regionali quali rimborso per la gestione delle funzioni non fondamentali (L. 56\2014 e normativa successiva) gestiti dalle Province ma di  competenza regionale ai sensi della normativa vigente. In Calabria le Province sono in grande difficoltà: la Provincia di Vibo  Valentia ha già dichiarato il dissesto e la Provincia di Crotone è in  fase di pre-dissesto. Il presidente dell’UPI Nazionale si sta impegnando attivamente nel  richiedere interventi da parte del Governo nel ripristinare i fondi  necessari, anche a seguito dell’esito referendario del 4 dicembre scorso  per una normale gestione delle funzioni fondamentali assegnate alle  province. A gennaio tutti i presidenti delle Province d’Italia hanno  depositato presso le Procure esposti per denunciare quanto accade sul  territorio ma anche a scopo cautelativo per le conseguenze anche penali  che potrebbero ricadere sugli amministratori e sui dirigenti a causa della mancata manutenzione di strade e scuole per via della carenza di fondi.Ecco, le Province calabresi, nello spirito della sussidiarietà restano a disposizione e ritengono che la Regione dovrebbe ripartire dalle considerazioni espresse sulle evidenti difficoltà gestionali ed economiche registrate dagli Enti intermedi, nell’interesse della sicurezza dei cittadini calabresi”.

Franco Iacucci, presidente Provincia di Cosenza
Enzo Bruno, presidente Provincia di Catanzaro
Nicodemo Parrilla, presidente Provincia di Crotone
Andrea Niglia, presidente Provincia Vibo Valentia

Annunci