Viabilità negata, nasce il coordinamento unitario delle associazioni e dei comitati 

Le Serre catanzaresi e vibonesi si mobilitano contro l’isolamento e preparano nuove iniziative
Nasce il coordinamento territoriale unitario delle associazioni e dei comitati delle Serre. Tutti mobilitati nella condivisione di una comune battaglia, fatta di impegno civile e democratico, per sbloccare la drammatica situazione di isolamento in cui versano, da mesi e mesi, le aree interne. E’ questo l’esito del partecipato incontro pubblico che si è svolto venerdì sera a Serra San Bruno, presso la sede della Pro Loco. Al centro della discussione, le condizioni disastrose della viabilità nel Vibonese e lo stallo inaccettabile dei cantieri della Trasversale delle Serre. Due vicende strettamente connesse che stanno infliggendo danni pesantissimi all’economia locale, sia turistica che commerciale. Il disagio della popolazione è emerso a chiare note nei vari interventi che si sono susseguiti nel corso della manifestazione, insieme alla convinzione di dover promuovere iniziative molto forti per costringere la Regione, l’Anas e le istituzioni più in generale a intervenire immediatamente per risolvere il problema. Riaprire subito le vie di accesso dalla costa tirrenica all’entroterra delle Serre, far ripartire i cantieri della Trasversale, riavviare un percorso complessivo di valorizzazione delle aree interne: queste le richieste dei cittadini riuniti in assemblea. Una iniziativa che ha registrato anche l’adesione dei sindaci di Mongiana, Bruno Iorfida, e Serra San Bruno, Luigi Tassone. Quest’ultimo ha elencato una serie di azioni concrete poste in essere per rimettere mano alle due grandi emergenze del momento: la Vazzano-Vallelonga, chiusa per danni da maltempo, e la strada cosiddetta dell’Angitola, addirittura sequestrata dalla Procura della Repubblica per la pericolosità di alcuni tratti. Le pur legittime rassicurazioni del sindaco di Serra non sono, però, bastate a placare il malcontento diffuso dei presenti e, non a caso, qualcuno ha ricordato le tante promesse della politica regionale, anche recenti, tutte puntualmente cadute nel vuoto. Sul punto, il dibattito si è animato e la dialettica è diventata, a tratti, rovente. Ma le conclusioni sono state, comunque, positive e costruttive, portando alla costituzione di un coordinamento unitario, al momento così composto: Andrea Pisani (Pro Loco Serra San Bruno), Luigi Calabretta (Associazione commercianti Cartusia), Gianfranco Corrado (Consorzio delle associazioni turistiche Jonio-Tirreno), Giacinto Damiani (Comitato Mastro Bruno), Alfredo Barillari (Liberamente), Vincenzo Albanese (La Serra), Antonio Colonnese e Maria Gualtieri in rappresentanza dei liberi cittadini presenti, un delegato del club Lions delle Serre, uno dell’associazione “I Briganti”, Francesco Pungitore in qualità di presidente del Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato” e Fioravante Schiavello, promotore del coordinamento oltre che responsabile comprensoriale dello stesso Comitato. E’ stato lanciato un invito alla partecipazione a tutti i sindaci del territorio interessato, a cominciare dal prossimo appuntamento organizzativo, programmato per  lunedì 22 maggio sempre a Serra San Bruno.
Annunci