“Orme nel Parco”, appello di Capalbo: “Aiutateci a ricostruire il punto ristoro distrutto dalle fiamme”

Massimiliano Capalbo

Risorse economiche, materiali, manodopera. Chiunque può contribuire come meglio ritiene alla ricostruzione del punto ristoro di “Orme nel Parco“, distrutto il 4 maggio scorso da un incendio. A lanciare l’appello via web è Massimiliano Capalbo, uno dei fondatori del parco eco-esperienziale, che si trova in località Tiriolo, nel comune di Zagarise, a 1620 metri di altitudine.

Un luogo immerso nell’incantevole Parco Nazionale della Sila, che ormai appartiene non solo a chi l’ha creato ma a tutti quelli che lo amano e che hanno dato prova di grande solidarietà all’indomani del rogo distruttivo. Proprio per questo, spiega Capalbo, si è pensato di chiedere una mano ai tanti utenti che hanno dimostrato vicinanza in un momento di difficoltà.
“Orme nel Parco”, dunque, non è più un semplice luogo di divertimento. E’ il cuore pulsante di una intera comunità, che non si arrende, che si rialza dopo la caduta e, rimboccate, le maniche si rimette a lavorare. Senza mai piangersi addosso.

Annunci