La presenza dello Stato: Orrendo e preoccupante quanto è emerso dalle intercettazioni

“A 25 anni esatti dall’efferato attentato in cui perirono il Giudice Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti di scorta nulla sembra cambiato. Raccapricciante la frase “ facciamo Falcone e Borsellino” pronunciata da uno degli arrestati della operazione anti crimine “CRISALIDE” a Lamezia Terme e venuta alla luce grazie alle intercettazioni telefoniche”
A sostenerlo sono i vertici di Consap-Federazione Sindacale Autonoma di Polizia di Catanzaro, nella persona del segretario Generale Provinciale Antonio Cunsolo e del suo Vice Ettore Allotta.
Le organizzazioni malavitose sembrano valersi – purtroppo anche con inconcepibile fierezza – di quell’orrendo avvenimento che scosse l’Italia intera allo scopo di intimidire la gente e a far sentire la presenza inquietante di ‘ndrangheta o mafia nel territorio in cui opera.
Ed invece lo Stato ha dimostrato di esserci .
Perché di questo ha bisogno la collettività: della presenza forte dello Stato che dia sicurezza e un segnale risolutivo e determinante nella lotta alla criminalità. La paura non deve e non può più soggiornare nei cittadini onesti.
La Calabria deve essere libera e ha desiderio di svincolarsi in modo permanente da questo cancro che la affligge e che rischia di consumarla totalmente.
Il cammino è però lungo e questo sindacato plaude alla importantissima operazione condotta dalle forze dell’ordine e lancia un monito: NON MOLLARE non ALLENTARE LA MORSA.

Annunci