2 giugno 2017 Festa della Repubblica

“Miracolo della ragione”, con queste parole di Piero Calamandrei, recentemente  ricordate nel libro “Calendario  Civile” – Per una memoria laica, popolare e democratica degli italiani, parliamo del 2 giugno. Una data importante suggellata nell’art. 1 della Costituzione sulla quale è necessario mantenere un forte impegno lontano però da qualsiasi retorica. Non ci convincono le parate militari e i festeggiamenti costosi. Il 2 giugno arriva dopo decenni di dittatura durante i quali al popolo non veniva consentita alcuna libertà. La scelta sofferta nel referendum, e il passaggio alla democrazia, sono ormai un fatto acquisito nella coscienza di milioni di persone. Così come acquisito è il legame tra Repubblica e Resistenza. I valori sanciti successivamente nella Carta Costituzionale hanno segnato la Storia negli ultimi 70 anni. Si tratta allora di essere attenti e scrupolosi nella loro difesa perché spesso si sottovalutano i pericoli per la democrazia: dall’antipolitica alla corruzione; dai rigurgiti neofascisti e razzisti di vario genere alla crisi economica e alle povertà diffuse; e ancora criminalità e mafie col perverso intreccio tra pezzi di politica e malaffare. Tutti fattori che se non affrontati per tempo rischiano di indebolire seriamente il tessuto democratico e la convivenza civile. Questo è per l’ANPI il modo per ricordare il 2 giugno 2017.

Comitato Provinciale ANPI Catanzaro

Annunci