Oliverio deve cacciare i dirigenti che bloccano il progetto della Casa della Salute”

Durissima lettera aperta del sindaco di Chiaravalle Centrale: c’è una burocrazia malata che frappone ostacoli senza motivazioni logiche
“Il progetto della Casa della Salute rischia il naufragio per responsabilità  precise di ben individuati apparati dirigenziali della Regione Calabria. A questo punto è necessario un intervento forte ed esemplare del presidente Mario Oliverio”. L’affondo, durissimo e senza precedenti, è del sindaco di Chiaravalle Centrale, Domenico Donato, dichiaratamente “stanco, deluso e frustrato” per le lungaggini burocratiche che stanno fermando l’iter di riconversione dell’ex ospedale “San Biagio”.  Il primo cittadino ha consegnato la sua denuncia in una lettera aperta indirizzata direttamente al Governatore della Calabria. “Caro presidente – scrive Donato – come lei ben sa, quella di Chiaravalle è la prima Casa della Salute in Calabria, un modello progettuale prestigioso, copiato anche da altre regioni d’Italia. Un’opera che potrà significare tanto per le nostre aree interne, in termini di servizi, assistenza, diritto alla salute. Sin dal suo insediamento, lei ha sempre pubblicamente sostenuto il progetto. Non ultimo, in occasione di un recente incontro con i sindaci del Soveratese. Parallelamente, l’Asp di Catanzaro, egregiamente guidata dal dottore Perri, ha profuso uno sforzo immane per far sì che questo sogno collettivo potesse diventare realtà. Eppure, nonostante ciò, il fatto grave che rilevo oggi è che il procedimento, dopo mesi e mesi, è ancora bloccato. Mi chiedo: quali sono le ragioni? Abbiamo partecipato insieme ad innumerevoli riunioni, dove più volte si è ribadito quello che era necessario fare per velocizzare il tutto. Non ci rimane altro da pensare che ci siano, evidentemente, dei dirigenti che intendono bloccare il progetto frapponendo ostacoli immaginari e illogici, rinviando ogni decisione di giorno in giorno, agendo in modo palesemente strumentale, pretendendo, addirittura, più volte la restituzione di pareri già resi o non dovuti. Una burocrazia malata e deleteria. Chiedo a lei, presidente Oliverio, un intervento immediato, urgente, ed esemplare. Le chiedo di rimuovere al più presto dal loro incarico i dirigenti del dipartimento Sanità che stanno bloccando la realizzazione di un ospedale pubblico (Casa della Salute) che sarebbe in grado di fornire risposte assistenziali di qualità a decine di migliaia di persone e ad un’area interna importante della nostra regione. Aspettiamo, sicuri e fiduciosi, come sempre, in una sua risposta, preannunciando, però, che da lunedì prossimo chiameremo tutte le Preserre chiaravallesi alla mobilitazione, proclamando uno stato di agitazione e mobilitazione permanente con conseguenti manifestazioni pubbliche e democratiche di dissenso e protesta”.
Annunci