Girifalco, avviso per l’ammissione al servizio Friend Bus fino al 22 luglio

GIRIFALCO –  C’è tempo fino al 22 luglio per partecipare all’avviso per l’ammissione al servizio Friend Bus: il servizio navetta attivato dal Comune di Girifalco per favorire il raggiungimento da parte dei giovani ad alcuni locali della costa. A seguito della delibera di giunta comunale del 13 luglio è, infatti, stato pubblicato l’avviso attraverso cui è possibile presentare domanda presso l’ufficio Protocollo. La domanda dovrà essere sottoscritta dai genitori in caso di utente minore e dovrà contenere – pena l’esclusione – la dichiarazione di aver preso visione del regolamento di disciplina del servizio, nonché l’impegno a tenere indenne il Comune da ogni responsabilità per eventi dannosi che si verificassero durante il trasporto in bus. In caso di domande superiori ai posti disponibili (54 posti) sarà redatta graduatoria entro il 28 luglio sulla base dei criteri approvati dal Consiglio Comunale. Soddisfatta per l’avvio dell’iniziativa si è detto l’assessore Cultura e Politiche Sociali, Elisabetta Sestito: “Presso la Casa Comunale – ha detto l’assessore –  è possibile presentare la modulistica (scaricabile dal sito dell’ente) per usufruire del servizio Friend bus. Un servizio pensato per i più giovani e per la loro sicurezza. Le coste rappresentano luogo di ritrovo per i ragazzi di tutte le realtà limitrofe, soprattutto negli orari in cui un pò i paesi si spengono e i litorali si illuminano. Sulla scia, anche, di esperienze effettuate dalle amministrazioni vicine che hanno ottenuto risultati positivi in termini di sicurezza, si è deciso di cofinanziare l’uso di un pullman che trasporti in modo sicuro i nostri ragazzi verso i luoghi di richiamo. L’uso del servizio è stato presentato in Consiglio Comunale con delle modifiche apportate su suggerimento dei consiglieri di minoranza. È compito degli amministratori captare nuove forme di servizio, e quello della sicurezza dei nostri giovani c’è sembrato meritevole di tutela, così come tanti altri cui abbiamo prestato la nostra attenzione. Auspichiamo che i giovani si divertano in maniera sana e consapevole e che le famiglie aspettino con maggiore tranquillità il rientro dei loro ragazzi. Occorre chiarire due aspetti. Il primo relativo le spese del servizio: il progetto prevede, infatti, un cofinanziamento tra Comune e fruitore del servizio.  Il secondo aspetto riguarda il fatto che il servizio non va, come invece qualcuno ha paventato, a svuotare il paese dal momento che, in quelle ore, i giovani – soprattutto i giovanissimi –  sono già, comunque, orientati a raggiungere i locali della costa che, è normale, attirino determinate fasce d’età soprattutto nei mesi estivi”.

Annunci