Archivi categoria: sport

Volley Soverato: venerdì 28, puntata di “Sotto rete” con Bisconti e Caravello

SOVERATO – Ventiquattresima puntata di “Sotto rete”, la rubrica settimanale di volley di S1 TV (canale 89 digitale terrestre) giunta alla sua quarta stagione sugli schermi della TV soveratese. Proseguono i play off della Samsung Gear Volley Cup A2 femminile che vivrà, in questo week end, gara due di semifinale e prosegue quindi anche la rubrica dedicata al Volley Soverato .La ventiquattresima puntata andrà in onda venerdì 28 aprile aprile, alle ore 21:15, sempre in diretta, con ospiti in studio il libero del Volley Soverato, Veronica Bisconti, e la schiacciatrice Lara Caravello.
Insieme a loro, si commenterà l’andamento di questi play off con le joniche che sfideranno domenica prossima, 30 aprile, al “Pala Scoppa”, la Sab Grima Legnano nel match valevole per gara due di semifinale, dopo che, gara uno, se l’è aggiudicata la formazione lombarda lo scorso 25 aprile.La trasmissione, come ogni anno, andrà in onda in diretta TV e in diretta streaming. “Sotto rete” è ideata e curata da Pietro Mosella e Antonio Mauro, con il fondamentale apporto di Sasà Iapello, Luca Franco e Antonio Siciliano, e propone ogni settimana interventi degli ospiti in studio della compagine soveratese con la possibilità dei telespettatori d’interagire in trasmissione per affrontare i tanti temi che propone il campionato di A2 femminile. La rubrica andrà in onda venerdì 28 aprile alle 21:15 su S1 TV (in replica sabato alle ore 14:30) e in diretta streaming sui portali soveratounotv.net e volleysoverato.com e in diretta sulla pagina Facebook di “Sotto rete”.

Volley femminile, arbitraggio semifinale play off di serie A2 Legnano – Soverato

Riceviamo e pubblichiamo Oggetto : Segnalazione arbitraggio semifinale play off di serie A2 Legnano – Soverato – 25 aprile 2017

Il sottoscritto dr. Antonio Matozzo, Presidente della Volley Soverato srl, rappresenta ed espone quanto segue.
La Volley Soverato partecipa al settimo anno consecutivo nel campionato nazionale di Volley femminile di serie A2, alla terza partecipazione ai play off, di cui la seconda consecutiva.
Per la prima volta segnala, a suo modesto e sommesso awiso, il “disattento ed irresponsabile” arbitraggio dei signori Vincenzo Carcione e Maurina Sessolo, durante la partita di semifinale Legano – Soverato. In particolar modo, si evidenzia il comportamento non all’altezza e limitato del primo arbitro sig. Carcione Vincenzo, a cui non spetta, certamente, di decidere le sorti di una partita, giocata punto a punto dalle due squadre, e che meritava sicuramente un arbitraggio più attento e di spessore. E’ strano dover segnalare “nuovamente” tale circostanza, considerato che anche in occasione della partita Legnano – Palmi (svoltasi il 15.04.2017) quest’ultima ha protestato vivamente anche mediante la consegna di immagini video che supportavano le contestazioni mosse. A tal fine, si invitano tutti i destinatari in indirizzo a visionare le immagini relative “agli ultimi due punti degli ultimi due set” ove sono inconfutabili gli errori macroscopici commessi dal sig. Vincenzo Carcione che ha ribaltato il risultato in favore di Legano. Il Presidente, pur consapevole che questa protesta finisca come quella di Palmi, invita l’egregio sig. designatore ad accettare con fermezza la ricusazione totale verso il duo arbitrale Corcione – Sessolo nelle partite che il Soverato disputerà nei prossimi campionati.
Si conclude affermando che i due episodi possono essere fatali alla regolarità della semifinale in quanto arbitraggi “di tal siffatta leggerezza” potrebbero contribuire all’esito del risultato finale, se non lo hanno già fatto.
In conclusione si augura che di tali errori si possa far tesoro per il futuro.
La squadra di Legnano è squadra forte e meritevole del posto in classifica e non ha bisogno certamente di simili atteggiamenti arbitrali.
Con i migliori saluti,

Il Presidente

Dott.Antonio Matozzo

PRESTIGIOSO INCARICO CIO AL PROF. FRANCO ASCANI

In occasione del rinnovo delle Commissioni del CIO (Comitato Internazionale Olimpico), il Presidente CIO, Avv. Thomas Bach, ha nominato il Prof. Franco Ascani di Milano (Presidente della FICTS – Fédération Internationale Cinema Television Sportifs), Membro della Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO presieduta dal Dr Ching-Kuo Wu, Membro dell’Esecutivo del CIO.
L’importante incarico internazionale (unico italiano nella Commissione) premia il lavoro svolto e programmato per la diffusione dei Valori Olimpici attraverso le molteplici iniziative internazionali intraprese dalla FICTS, in particolare con la Foundation for Culture and Olympic Heritage del CIO e costituisce un significativo riconoscimento per la cinquantennale attività dedicata al Movimento sportivo dal Prof. Franco Ascani, attuale Presidente della FICTS, Presidente della UESpT – Union Européenne Sport pour Tous, Direttore del Master Universitario in “Sport Management, Marketing & Society” dell’Università di Milano-Bicocca.
Le Commissioni nominate dal Presidente del CIO registrano, inoltre, un ulteriore equilibrio per le rappresentanze di genere (le quote rosa sono pari al 38% con incremento del 70% rispetto al 2013) e per la provenienza continentale (aumento del numero di membri provenienti da America, Asia e Africa) dei componenti le Commissioni stesse.
Ascani, che in passato ha fatto parte della Commissione Educazione e Cultura Olimpica, ha partecipato, in vesti diverse, a 13 edizioni dei Giochi Olimpici. La revisione apportata alla nuova composizione delle Commissioni del CIO riflette la filosofia iniziata da Olympic Agenda 2020 e fornirà un valido supporto per l’attuazione della roadmap destinata a cambiare il futuro del Movimento Olimpico.

Sporting a testa altissima, fatali i calci di rigore, le 10 meravigliose guerriere lokresi completano la remuntada ma si arrendono solo ai calci di rigori

Finisce dopo i calci di rigori l’avventura dello Sporting Locri, che viene eliminato dalla Lazio dopo averla battuta per quattro reti a una. In una partita pazza, dove succede di tutto, le amaranto non possono rimproverarsi nulla, visto che si sono rese protagoniste di una prestazione maiuscola, annichilendo la Lazio, formazione costruita con mire di ben più alto profilo. Le lokresi scendono in campo con un pesante fardello, recuperare la sconfitta con tre gol di scarto subita a Roma sabato scorso. Beita e Roberta Giuliano tengono sotto pressione la difesa laziale ma il risultato non si blocca. Chilelli, come all’andata, costruisce una gabbia su Roberta Giuliano che deve sgomitare e non poco per divincolarsi, ma la palermitana, si sa, protegge palla come poche e le laziali anche in tre faticano nel contenerla. Beita invece fa la scheggia impazzita, cambia fascia con estrema facilità e continua per tutta la gara a seminare avversarie che non riescono quasi mai a fermarla. L’episodio che cambia la gara al 9’, su rilancio di Martina Cacciola, la Vecchione tocca forse la palla con le mani fuori area, per l’arbitro è rosso diretto. Lo Sporting si rinfranca e dopo un minuto Federica Marino spinge in porta il pallone che sblocca la gara. Passa un altro minuto e arriva la seconda espulsione della gara; secondo giallo per Roberta Giuliano accusata di simulazione. Con una ragazza in meno in campo Beita si inventa un gol pazzesco, salta mezza Lazio, portiere compreso, sulla fascia sinistra e sigla il raddoppio amaranto. Finisce così il primo tempo, con uno Sporting consapevole che la remuntada è sempre più a portata di mano. Nella ripresa iniziano forte le lokresi che, anche senza bomber Giuliano, mettono in seria difficoltà la Lazio. Servono sei minuti per completare la rimonta; è ancora una volta Beita a battere la Tirelli, stavolta con un pallonetto di testa nonostante i suoi 154 cm. Il capitano è autore di una prova sontuosa, mette ordine in mezzo al campo, salta sistematicamente le avversarie ed è sempre pericolosa. La Lazio deve reagire, lo Sporting inizia a pagare la fatica, in più non può contare sulle indicazioni di Mister Sansotta espulso. Carla Duco è una doccia fredda, al 12’ infatti la spagnola sposta nuovamente l’ago della bilancia dalla parte laziale battendo Martina Cacciola, che nell’occasione rimedia anche un calcione alle mani. Serve di nuovo un gol e chi può pensarci se non l’emblema di questo Sporting Lokri mai domo, Sara Borello, che è infortunata, soffre ma gioca, chiude tutto ciò che arriva dalle sue parti e si propone spesso e volentieri in pericolose ripartenze. Ma non basta, segna anche… A un minuto dalla fine. Saranno supplementari. Le due squadre sono sfinite, non vogliono andare ai rigori, ci provano a fasi alterne, prima le lokresi, poi Chilelli col portiere di movimento. Non succederà nulla. La squadra che si qualificherà per i quarti “scudetto” lo farà dal dichetto, lo deciderà una lotteria. Una serie di calci di rigori dove le ragazze dopo una battaglia possono arrivare stanche, poco lucide. Succede così a Soto e ad Antonella Sabatino, due leonesse che non tirano mai indietro la gamba. Una fatalità che manda avanti le biancocelesti. Lo Sporting tornerà sicuramente più preparato l’anno prossimo.

                                                                         Ufficio Stampa Sporting Locri

Prima Semifinale con sconfitta per la Volley Soverato, a Legnano finisce 3-0

SAB GRIMA LEGNANO  3

VOLLEY SOVERATO     0

PARZIALI SET: 25/22; 25/23; 25/23

SAB GRIMA LEGNANO: Figini ne, Paris (L), Furlan 7, Muzi ne, Mingardi 16, Coneo 5, Grigolo 14, Facchinetti 6, Kosareva ne, Bossi 2, De Lellis 3, Mazzotti ne. Coach: Andrea Pistola

VOLLEY SOVERATO: Vujko, Lymareva ne, Travaglini 8, Caforio (L), Caravello, Bertone 7, Demichelis 2, Zanotto 8, Manfredini 18, Gennari, Karakasheva 9, Bisconti (L). Coach: Stefano Saja

ARBITRI: Carcione Vincenzo – Sessolo Maurina

DURATA SET: 26’, 27’, 28’. Tot 1h21’

MURI: Legnano 6, Soverato 10

E’ della Sab Grima Legnano il primo round della semifinale playoff promozione serie A1. La squadra di coach Andrea Pistola supera al “PalaBorsani” di Castellanza il Volley Soverato per tre set a zero. E’ stata una partita che ha visto le padrone di casa, dopo una buona partenza delle calabresi, prendere man mano le redini del gioco con le ragazze di coach Saja che, una volta sotto, non sono riuscite a risalire la china pur riavvicinando le locali nel punteggio e giocandosi i set fino alla fine. Nulla è perduto, però, per Bisconti e compagne che, domenica al “Pala Scoppa”, in gara 2, proveranno ad allungare la serie e giocarsi la qualificazione alla “bella” che si disputerebbe nuovamente in terra lombarda. Passiamo al match. Coach Pistola per Legnano schiera al palleggio l’ex di turno De Lellis e Mingardi opposto, al centro la coppia Facchinetti – Furlan, schiacciatrici Coneo e Grigolo, mentre il libero è Paris. Soverato, invece, in campo con Demichelis in regia e Manfredini opposto, al centro Travaglini e Bertone, in banda Zanotto e la bulgara Karakasheva con libero Bisconti. Inizia il match e dopo il primo punto di Legnano con Furlan, è Soverato a trovare un break portandosi sul punteggio di 1-5 con il primo time out che arriva per coach Pistola. Reazione delle padrone di casa che si avvicinano alle ospiti, 4-6 ma Soverato con Travaglini ed errore di Coneo è a più quattro, 4-8. Partita bella sin da queste sue prime fasi. Di nuovo molto vicina la compagine di Pistola, adesso distante un solo punto e Furlan mette le cose in parità 10-10. Squadre che giocano punto a punto in questa fase, ma Soverato allunga 14-16 con Karakasheva, con Legnano comunque sempre lì a non far scappare le avversarie che vengono raggiunte nuovamente 16-16, prima del sorpasso locale, 17-16, con palla chiamata, con qualche dubbio, out a Bertone. Punto di Mingardi e sul 19-18 primo discrezionale per coach Saja. Squadre in parità, 20-20 e nel Soverato dentro Gennari per Demichelis con il cambio che si chiude subito con Legnano avanti adesso 22-20 grazie ad un muro di Furlan. Legnano sul più tre ed è secondo time out Soverato, 23-20; al rientro errore in battuta di Coneo e time out questa volta per le lombarde, avanti 23-21. Mingardi regala tre palle set alla Sab Grima Legnano che chiude alla seconda occasione per 25/22. Questa volta, parte bene Legnano cha conduce 6-1 con le calabresi in leggera difficoltà e costretta al time out. Le ioniche del presidente Matozzo tentano di non perdere ulteriore terreno dalle giallonere con il distacco di quattro punti tra le due squadre, 11-7. Muro di Facchinetti, Legnano avanti 14-9 e cambio nelle ospiti con Zanotto in panchina per far posto a Caravello. Cambio che si chiude sul 16-12 per le locali ma Soverato con un mini break si riporta a meno due con time out per Pistola sul 17-15. Squadre in campo e padrone di casa sul più quattro, 20-16. Manfredini riporta Soverato a meno uno, 20-19 e arriva il discrezionale per Legnano. Fasi decisive di questo secondo set e squadre vicine, 22-21 e 23-22. Pipe di Mingardi e due palle set per Legnano con Karakasheva che annulla la prima ma un errore chiamato a Demichelis regala il 25/23 alle lombarde. Sul doppio vantaggio, la squadra di coach Pistola rimane concentrata e guadagna subito quattro punti di vantaggio nella prima parte di terzo set, 7-3, con coach Saja che si rifugia nel time out. Mini break del Soverato che adesso si trova ad un punto dalle avversarie, con Manfredini, 9-8 e poco dopo raggiunge la parità sul 12-12 e 16-16 con scambi lunghi e belli tra le due squadre. Sorpasso ospite con muro del capitano Travaglini e time out chiesto subito da coach Pistola sul 16-17 con Grigolo e compagne che, al rientro, ritrovano la parità sul 19-19. Doppio vantaggio Soverato, 19-21, e nuovo discrezionale per le locali. Ace sporco di Travaglini e 19-22 per le calabresi adesso a tre punti dal parziale. Legnano non molla ed è nuovamente a ridosso delle avversarie che ricorrono al time out sul 21-22. Trova la parità Legnano grazie ad un errore del Soverato che ripassa avanti 22-23 ma è nuova parità. Coneo trova il match point, 24-23  e Legnano chiude 25/23 il match. Vittoria, dunque, per le ragazze di coach Pistola che adesso domenica in Calabria avranno l’opportunità di chiudere il conto ma con il Volley Soverato che darà e farà di tutto per allungare la serie e vincere davanti al pubblico amico.                  

Saverio Maiolo

Ufficio Stampa Volley Soverato

www.volleysoverato.com

Fb: Volley Soverato Official Page

Twitter: @volley_soverato

Instagram:volley_soverato

Gregorio Vatrella non c’è l’ha fatta, le sue condizioni erano molto gravi.

Si è spento questa mattina all’ospedale “Pugliese” di Catanzaro all’età di 24 anni, Gregorio Vatrella, il ragazzo rimasto gravemente ferito nell’incidente automobilistico all’alba del 19 aprile nei pressi della galleria del Sansinato di Catanzaro insieme ad una ragazza (M.G di 36 anni). ed al povero Umberto Fratto, noto parrucchiere di Catanzaro anch’egli di 36 anni.. Amici, parenti e conoscenti in questi giorni hanno pregato per un miracolo che non c’è stato, Dio l’ha voluto con sè nel suo grande campo di calcio.

Lo striscione portato in campo domenica dai compagni di squadra

Giocava nel Real Montepaone ma ha militato anche nel Petrizzi, nello Stalettì, squadra del suo paese e nel Soverato, era amato e stimato dai suoi compagni e dal pubblico che domenicalmente lo seguiva e gioiva per i suoi goal, però non è riuscito a vincere la sua partita più importante. In questi giorni di speranza tutte le squadre del suo girone, quello di prima categoria C e non solo, hanno dimostrato tutta la loro vicinanza e domenica nei vari campi sono apparsi tanti striscioni si solidarietà. La redazione sportiva di Soverato Uno TV si stringe intorno alla famiglia e alla  società del Real Montepaone: CIAO GREGORIO !!!

(Mimmo Cosentino)

Crotone, Daspo per 3 tifosi

CROTONE, – Il Questore di Crotone ha emesso tre Daspo nei confronti di altrettanti tifosi del Crotone per il comportamento tenuto durante e dopo la gara Crotone-Fiorentina dello scorso 19 marzo. Secondo l’accusa, i tre si sarebbero resi protagonisti di atti violenti, compreso il lancio di pietre contro i tifosi ospiti. Si tratta di D.A., 25 anni, che non potrà accedere per tre anni a tutti gli impianti sportivi durante lo svolgimento degli incontri di calcio. Daspo di sei anni invece per G.M., di 32 anni, mentre S.P. (46), non potrà assistere alle partite di calcio per cinque anni e sei mesi. Per tutti è stato disposto anche l’obbligo di firma. In occasione di Crotone-Fiorentina era stato arrestato anche un uomo di Catanzaro che si trovava nel settore ospiti (le tifoserie di Catanzaro e Fiorentina sono gemellate) per aver aggredito uno steward.(ANSA)

VOLLEY SOVERATO : DOMANI GARA 1 SEMIFINALE PLAYOFF PROMOZIONE A1 A LEGNANO

Dopo il pass qualificazione ottenuto contro Millenium Brescia, il Volley Soverato si appresta ad affrontare domani gara 1 delle semifinali playoff promozione serie A1 contro la Sab Grima Legnano. Si tratta della terza semifinale nelle ultime quattro stagioni per la società del presidente Matozzo che, dunque, si conferma ai vertici della pallavolo femminile calabrese. Il Soverato arriva bene a questo primo importante appuntamento, reduce dalla doppia vittoria per tre set a uno contro la squadra di coach Mazzola; Travaglini e compagne nelle due gare giocate prima in Calabria e dopo in Lombardia, hanno meritato ampiamente la qualificazione, giocando due match di alto livello contro una squadra di valore. Da domani, le ragazze di coach Saja avranno di fronte quella che può essere considerata un po’ la “bestia nera” del Volley Soverato di questa stagione. Legnano, infatti, ben guidato in panchina da coach Andrea Pistola, ha vinto quattro partite su quattro contro le ioniche che hanno perso sia nel doppio confronto di regular season  che in quello di Coppa Italia; quindi, un’occasione per sfatare il tabù giallo nero per le calabresi del presidente Matozzo che vogliono a tutti i costi passare il turno. Non sarà certo facile, perché quella di coach Pistola è una squadra forte, con giocatrici di valori tra cui l’ex di turno, la palleggiatrice Sara De Lellis; Legnano avrà dalla sua parte, certamente, il fatto di arrivare alla semifinale più riposato del Soverato, essendo già in semifinale per essere arrivato terzo in classifica al termine della regular season. Zanotto e compagne, in ogni caso, hanno dimostrato di essere in forma e, nella trasferta lombarda, cercheranno di raccogliere il massimo contro le padrone di casa. Come successo a Brescia, anche a Legnano, ci saranno tifosi calabresi pronti a sostenere le “cavallucce marine” in un match difficile ma che Manfredini e compagne sapranno affrontare nel migliore dei modi. Oggi la comitiva biancorossa partirà nuovamente per la terra lombarda e domani mattina ci sarà la seduta di rifinitura al “Pala Borsani” prima del fischio d’inizio che avrà inizio alle ore 17:00. Su gara 1 di semifinale playoff, abbiamo ascoltato le impressioni di Carlotta Zanotto, schiacciatrice del Soverato:” Siamo pronte e cariche per la partita di domani a Legnano; nonostante il poco tempo a disposizione ci siamo preparate bene per questo primo incontro, consapevoli di affrontare una squadra forte che durante la stagione ci ha battuto. Vogliamo continuare questo percorso e per questo dovremmo giocare come sappiamo, concentrate e determinate al massimo. E’ una partita importate. Abbiamo studiato bene l’avversario che certamente arriva più riposato di noi alla sfida; la nostra forza è il gruppo e anche domani vogliamo dimostrare che possiamo continuare a fare bene”. Anche domani, alle ore 17:00, sarà possibile seguire la diretta streaming sui portali volleysoverato.com e volleysoverato.it.

 Saverio Maiolo

Ufficio Stampa Volley Soverato

www.volleysoverato.com

Fb: Volley Soverato Official Page

Twitter: @volley_soverato

Instagram:volley_soverato