Archivi categoria: Uncategorized

Fratelli D’Italia-AN Montepaone si chiama fuori dalla guerra politica ed invoca un dialogo costruttivo che riporti il cittadino al primo posto.

                   La partecipazione alla vita politica e sociale all’interno di una comunità civile è presupposto di ampio consenso democratico e di vivo interesse civico. Nel nostro contesto territoriale lo spirito di appartenenza ad una comunità viene spesso e volentieri vessato da continue manifestazioni distruttive, le quali, pur rimanendo nel legittimo alveo dei “diritti” rischiano di tramutarsi in autoritari abusi che erodono fortemente lo status sociale del nostro paese e destabilizzano il dibattito politico, trasformandolo in una guerra senza frontiere, priva di punti di vista lungimiranti, priva di progettualità e soprattutto senza alcun valore per il cittadino. Il dibattito politico deve essere dialogo formativo, costruttivo, pronto a migliorare e propenso a contribuire alla causa comune che è esclusivamente il servizio al cittadino.
Fratelli d’Italia, sin ora, non si è mai espressa “nell’arena politica” che è diventata Montepaone, in cui la distruzione ha più voce della costruzione, in cui si preferiscono vetrine giornalistiche al dibattitto, in cui non si vede alcuna collaborazione tra maggioranze e minoranze, che si inseguono e perseguono, in una lotta estenuante di titoli e conferenze.
La nostra realtà politica è differente, ci chiamiamo fuori dalla battaglia del gatto ed il topo, cercando di rinvenire invece soluzioni “vere” e “valide” per il cittadino Montepaonese. Siamo una forza politica giovane, rappresentativa sul territorio e ben articolata, mettiamo a disposizione della politica locale dei “tecnici” e nessun politicante di nuova o vecchia fattura. Crediamo che la soluzione migliore sia quella rispondente ai bisogni del cittadino e che dunque, risulti evidente e necessario un cammino costruttivo con l’attuale maggioranza consiliare, percorso che ci garantisca di rinvenire obiettivi comuni e tendere un sostegno politico, sociale e umano più che mai incisivo. Per cambiare le sorti del nostro paese nulla ha più valore di una seria collaborazione finalizzata a risolvere le criticità evidenti che assillano Montepaone, senza bendarsi gli occhi di fronte alle responsabilità e senza instaurare una politica aggressiva ed intollerante finalizzata alla più becera campagna elettorale o ancor peggio ad un misero orgoglio di guardare il proprio avversario in difficoltà.
Bisogna comprendere che la politica sana e trasparente è costituita, primariamente, da obiettivi che attengono alle necessità del cittadino, da programmi condivisi, da “fatti” e poche “parole” ma soprattutto dal senno di colui che è chiamato ad amministrare, che sia in maggioranza o in minoranza, di essere chiamato a rappresentare il prossimo e non se stesso.
A breve Fratelli d’Italia presenterà alla cittadinanza Montepaonese i propri programmi politici per il prossimo biennio i quali, verranno certamente condivisi con l’attuale amministrazione e con tutte le forze politiche cittadine che vogliano in qualche modo contribuire ad un cammino di crescita “costruttivo”.
Non esiste futuro senza un duro lavoro, ma non esiste lavoro senza un’adeguata programmazione e nulla di ciò è possibile in assenza di preparazione, desiderio e volontà.

Avv. Giuseppe Grande

Commissario Cittadino Fratelli d’Italia – AN Montepaone/Montauro

Beve una bibita ghiacciata e muore in ospedale, aperta inchiesta. La famiglia nomina l’avv. Sabrina Rondinelli

L’avv. Sabrina Rondinelli
La Procura di Paola ha aperto un’inchiesta sulla morte in Pronto soccorso di un uomo di 64 anni. Secondo quanto si apprende, dopo aver bevuto una bibita ghiacciata, il 64enne avrebbe accusato un malore e per questo sarebbe andato in ospedale a Paola dove sarebbe morto. I familiari hanno quindi denunciato il fatto e la Procura ha aperto l’inchiesta per omicidio colposo.

I carabinieri della compagnia di Paola hanno acquisito il fascicolo ed il pubblico ministero di turno ha disposto l’esame autoptico che dovrebbe tenersi nella giornata odierna. La salma è stata trasportata presso l’obitorio di Cetraro. La famiglia ha nominato l’avv. Sabrina Rondinelli.

Girifalco, grande successo di Ri_Vedi il centro storico

GIRIFALCO – E’ nell’abbraccio fiero di una bimba al suo papà, protagonista dello sketch con i Pagliacci Clandestini, tutta la magia di Ri_Vedi il centro storico. In quelle piccole braccia tese ci sono l’amore e la bellezza, i due ingredienti di una manifestazione unica. Straordinaria.  La terza edizione della kermesse, organizzata dall’Amministrazione Comunale su input del presidente del Consiglio, Elisabetta Ferraina, si è conclusa sabato con grandissimo successo. Questo grazie all’impegno dei tanti che hanno sostenuto il Comune: associazioni, sponsor, ospiti, pubblico, residenti della piazzetta e supporter. Accanto all’Ente, per questa terza edizione, ci sono stati il Gal Serre Calabresi, l’associazione #lacalabriacherema, Prociv, Pro Loco, Fv Music in the World, Ecocentrica, la Felce, l’Associazione Teatro Popolare Girifalcese e il Centro Riuso e Riciclo. La manifestazione si è sviluppata in due giorni, venerdì e sabato, ed è stata allietata da diversi momenti e interventi come l’arredo di riciclo creativo a cura di Gianfranco Fiato e l’intervento artistico in piazza Maiuri a cura di Claudio Morne raffigurante le mani di una donna anziana che ricama. Un’immagine, perfettamente, in tema con il libro “La Lettera che non ti ho mai scritto” presentato dall’autrice Barbara Cappi (scrittrice, sceneggiatrice e autrice, negli ultimi anni di tanti programmi di Maria De Filippi) nel suggestivo scenario di Borg@rte. A conversare con la travolgente scrittrice – che ha scelto come protagonista del suo romanzo Annina, una sartina originaria di Girifalco – è stata la giornalista Giulia Zampina. A Girifalco la scrittrice ha, inoltre, annunciato l’uscita a breve del suo secondo romanzo sempre incentrato sulla figura di Annina, la sarta di Girifalco. La presentazione del libro è stata allietata dalla splendida voce di Sofia Burdino che con il suo talento è arrivata sino a Sanremo. Alla giovane artista girifalcese, l’amministrazione comunale ha consegnato un attestato di merito. Mentre alla scrittrice, Barbara Cappi, è stato donato un cesto di prodotti tipici offerti dal Gal Serre Calabresi.  Nella splendida e antica cornice è stato possibile ammirare i lavori del gruppo di Girifalco – Laboratorio artigianale Aeffecreations di Angela Maria Feroleto. Ad accompagnare il pubblico precedendo il momento dedicato al teatro con la rappresentazione “Partecipazione di nozze” a cura dell’associazione Teatro Popolare Girifalcese, sono state le bolle di sapone giganti dei #pagliassi.it e la proiezione del video Borg@rte – E l’amore verrà realizzato da Geosin di Pasquale Antonio.  Nel corso delle due serate è stato possibile contribuire all’Art Bonus, acquistando una bottiglia di vino messa in vendita dal Parco Monte Covello ciascun acquirente ha donato un euro per la riqualificazione dei luoghi di cultura inseriti dall’amministrazione comunale nella misura promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. La due giorni è stata trasmessa in diretta streaming da Tele Pepè a cui va un caloroso ringraziamento. Il giorno dopo – sabato 29 luglio – la manifestazione si è spostata nelle “rughe”, precisamente a piazzetta Maiuri. Qui è stato possibile ammirare le pipe di Vitaliano Posella e i lavori di Emanuele Bianco e Barbara Olivadoti. In tanti hanno, inoltre, potuto ammirare i “piccoli- grandi” capolavori di Domenico De Giorgio. Ospiti del dibattito “Centri storici: la grande bellezza”, moderato dal giornalista Ugo Floro, sono stati Wanda Ferro, consigliere regionale, Daniele Rossi, presidente de #lacalabriacherema, e Nicola Fiorita, docente Unical. Prima del dibattito, accompagnati dal sindaco Pietrantonio Cristofaro, dal vicesindaco Maurizio Siniscalco e dal presidente del Consiglio Comunale, Elisabetta Ferraina, gli ospiti hanno visitato Borg@rte. Nel corso del dibattito, oltre agli amministratori, ha preso la parola anche l’architetto Domenico Conaci – tra i promotori dell’iniziativa. Agli ospiti è stata donata una tela con una fotografia di Borg@rte vista dall’alto con sopra una frase tratta dall’ultimo libro di Domenico Dara, Appunti di Meccanica Celeste. A Wanda Ferro sono, inoltre, stati donati degli orecchini realizzati da Gianfranco Fiato con materiale di riciclo. La serata è proseguita con la musica della Junior Band e la magia del teatro di strada “Clown Fofo”, #pagliacciclandestini.  Soddisfatto della riuscita della manifestazione si è detto, in particolare, il presidente del Consiglio Comunale, Elisabetta Ferraina che, interpretando il sentimento dell’Amministrazione e del sindaco, ha dichiarato: “Nell’anno dei Borghi, Ri_Vedi ha aperto l’estate girifalcese in due serate ed un programma in cui il centro storico è stato assoluto protagonista portando in scena l’amore a Borg@rte e la bellezza in piazzetta Maiuri. Arte, cultura, riciclo creativo e spettacolo: questi gli elementi utilizzati per raccontare delle storie e per riempire il contenitore – il tessuto urbano esistente – di unicità regalando ai tanti visitatori nuovi punti di vista. La valorizzazione dei nostri luoghi passa anche e, soprattutto, da iniziative come questa pensate per innescare una corrispondenza biunivoca tra il carattere del nostro territorio e la partecipazione attiva di tutti coloro i quali si sentono parte di una grande festa che si arricchisce edizione dopo edizione. Tutto questo e molto altro è Ri_vedi”.

Catanzaro, ecco i nuovi soci benemeriti dell’Accademia dei bronzi

Dopo aver nominato Michele Affidato socio honoris causa, l’Accademia dei bronzi ha scelto anche i nuovi soci benemeriti del 2017. Del sodalizio culturale catanzarese quest’anno entreranno a fare parte i poeti Mariella Bernio, Maria Concetta Giorgi, Rocco Pedatella, Caterina Tagliani e gli artisti Marcello La Neve e Giuseppe Rizzo. “La famiglia dell’Accademia dei Bronzi – ha dichiarato il presidente Vincenzo Ursini – diventa sempre più grande e allarga i suoi orizzonti culturali, accogliendo nuovi soci, tutti con ottime referenze nel settore delle lettere e delle arti. Tale nomina è assolutamente gratuita e non comporta alcun obbligo futuro tranne l’impegno morale di aderire alle eventuali successive iniziative della nostra associazione”. Mariella Bernio è nata in provincia di Cremona, ma risiede a Brugherio dove, tra l’altro, si occupa di volontariato all’interno di una Rsa. Scrittrice e poetessa, ha partecipato a numerosi concorsi ottenendo lusinghieri successi. Tra gli altri si è classificata al primo posto ai premi “La Tavolozza” di Mezzi di Pontedera e “Chimera d’Oriente” di Giffoni, mentre al Premio Alda Merini, nell’edizione 2014, si è classificata seconda. Sue poesie sono state inserite in varie antologie. Giorgi Maria Concetta, laureata in Lettere Moderne a Urbino, è nata a Ravenna e risiede a Cesenatico. È presente in alcuni e-book editi dalla “Scuola di Scrittura” di Roberto Agostini. Per Emma-Books suoi contributi sono stati inclusi in “Brevi ma bravi”, un’antologia di short stories. È curatrice dei volumi “Parole e immagini”, per il Calendario dell’Accademia dei Bronzi 2016, e “Repertorio di Arte e Poesia” . Ad agosto del 2016, nell’ambito della V edizione del premio Merini, ha ricevuto il primo premio per la sezione dedicata alla poetessa dei Navigli. L’artista Marcello La Neve, nato a Windlesham (GB), risiede a Cerisano in provincia di Cosenza. Pittore di indiscussa qualità, ha all’attivo migliaia di opere, distribuite in qualificate gallerie d’Europa. Ha realizzato i ritratti di Anna Oxa, Rossana Casale, Patty Pravo e Michele Zarrillo. Il 6 maggio 2015, ha fatto dono di una sua opera, intitolata “Rosa Mistica”, a Sua Santità Papa Francesco. Un vero Maestro del colore e degli inchiostri con i quali realizza soggetti dal tratto deciso e delicato. Rocco Pedatella vive a Trezzano sul Naviglio. Scrittore, poeta e autore di testi per canzoni, abbina da sempre la passione dello scrivere alla sua attività di manager. Nella prosa è specializzato nel genere thriller. Con le Edizioni Ursini ha pubblicato i romanzi “Brividi a Sud” e “Il Giorno della Conflagrazione”. Con quest’ultima opera ha vinto il Premio Vivarium. Recentemente si è classificato al primo posto al concorso “CET Autori-Scuola di Mogol” con l’opera  “Fratelli di Nebbia”, poesia che lo scorso anno era stata premiata proprio al Premio Merini. Giuseppe Rizzo è pittore, poeta, scenografo e attore. Attualmente vive e opera a Ravanusa di Agrigento. Ha iniziato a disegnare fin dalla più tenera età, passione che ha coltivato nel tempo e che, nel 2013, lo ha portato a vincere, con un quadro dedicato alla sua Sicilia, un importante concorso di arte. Suoi quadri si trovano esposti in alcuni musei civici. “La mia pittura, – sottolinea – è una finestra aperta sul mondo e sul cuore”. “Con la speranza – aggiunge – che i sentimenti di chi legge o guarda le mie opere, sappiano incontrare quelli più reconditi e veri del mio animo”. Caterina Tagliani è nata a Crema ma dal 1983 risiede a Sellia Marina. Laureata in Pedagogia, ha conseguito un Master in Bioetica e Sessuologia. Scrive poesie e racconti. Segue il Premio Merini dall’edizione del 2010. Con Ursini, nel 2014, ha pubblicato il saggio di filosofia “Hannah Arendt, Libertà e Rivoluzione”; mentre nel 2016 ha dato alle stampe la silloge di poesie “Libero è il vento”. Ha curato alcune prefazioni e redatto testi critici di qualificate antologie letterarie. È, insomma, una delle più qualificate autrici della Calabria.

Gigi Miseferi e la sua Swing “Band Larga”a Pentone

Giovedì 27 luglio alle ore 21.30 Gigi Miseferi accompagnato dalla sua Swing “Band Larga” sarà in scena nel Piazzale dei Caduti a Pentone, incantevole paese incastonato nella Presila catanzarese.  Lo Show, inserito nella programmazione estiva degli eventi organizzati dall’Amministrazione comunale, è reduce dal successo registrato nelle più importanti piazze e locali italiani, dove spesso ha registrato il “tutto esaurito”. La Swing “Band Larga” che a Pentone accompagnerà l’artista reggino è composta da talentuosi musicisti che danno vita agli strumenti che hanno fatto la fortuna di questo intramontabile genere: al pianoforte Francesco Pappaletto, al sax Carmelo Coglitore, alla batteria Tonino Palamara, al contrabbasso Pino Delfino. Gli artisti offriranno al pubblico la possibilità di riassaporare in modo genuino e coinvolgente, fino a renderlo piacevolmente partecipe, lo straordinario repertorio di simpatiche e conosciute canzoni degli anni ’30, ’40, ’50 che appartengono all’inestimabile patrimonio musicale. Vere e proprie leggende dello “swing”, quali Louis Prima, Fred Buscaglione, Dean Martin, Renato Carosone, proponendo tra l’altro sia canzoni classiche italiane che simpatici medley arrangiati in ritmata chiave swing. Non dimenticando la sua natura di attore comico, i brani musicali sono presentati da esilaranti battute anche con rifermenti all’attualità.  Da qualche anno, questo spettacolo in scena nei teatri, piazze, circoli esclusivi e locali storici si è rivelato un successo di pubblico come testimoniano i pienoni registrati a Roma e alla Darsena a Fiumicino.  L’attore, comico, autore, regista, reggino doc, è cresciuto artisticamente nella Compagnia del Bagaglino, con la quale dal 1990 al 2009 ha partecipato a tutte le trasmissioni televisive in diretta dal salone Margherita di Roma, ottenendo tre prestigiosi “Telegatti”. Spesso presente in diverse trasmissioni TV, attualmente è impegnato su Rai Uno, con la conduzione di alcuni servizi nel programma “Easy Driver”. Da sempre amante della musica ed in particolar modo del coinvolgente genere “Swing”, da anni ha intrapreso un percorso musicale, nato quasi per gioco, fondando la “Band Larga” e divenendone cantante e frontman. Gigi Miseferi e la sua Band con sorprendenti doti canore coniugate alla propria verve ed alla teatralità frutto di anni di esperienza maturata sui più importanti palcoscenici italiani (è anche impegnato in teatro con la Commedia “Brancaleone e la sua armata”, in cui è coprotagonista con Pippo Franco, che riprenderà a novembre) farà senza dubbio emozionare anche a Pentone. L’appuntamento per i fans e per chi volesse ascoltarli per la prima volta dal vivo è per giovedì prossimo ore 21.30 a Pentone.

COISP REGGIO CALABRIA – 26 luglio 2017 – assemblea pubblica San Luca -RC- IL Coisp c’è.!

Per il prossimo 26 luglio in San Luca è stata indetta un’assemblea pubblica presso i locali della sala del Consiglio Comunale, in questa occasione sarà presente una delegazione del CoISP Regionale e Provinciale reggina, l’intento è quello di manifestare un concreto interesse alla proposta avanzata da Romano De Grazia a candidare come sindaco Giuseppe Brugnano. San Luca, è una realtà dalla mille sfaccettature: molto conosciuto anche a livello nazionale per le dinamiche criminali, per i summit, i rapimenti e le faide damiliari, ultima, ma solo in ordina di tempo <>, ma l’aspetto probabilmente del tutto sconosciuto è quello relativo alla intrinseca bellezza dei luoghi caratterizzati dai panorami mozzafiato e dalla genuina ospitalità delle genti. Dopo due anni di commissariamento ed un ennesimo flop, gli elettori avranno nuovamente la possibilità di votare per scegliere il loro destino, ma al momento non è stata ancora presentata alcuna lista: propedeutica al momento del voto, però è la presentazione delle liste con i rispettivi candidati, indugiano sotto questo aspetto i 4000 abitanti della bella San Luca. Rimane poco da fare per il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, se non nuovamente confermare la squadra in carica degli amministratori dell’Ente fino al giugno 2018 – una team che ha lavorato in modo affiatato portando ottimi risultati restituendo alla cittadinanza servizi di base negati quali ad esempio l’erogazione dell’acqua oltre che risparmi economici sui servizi che non devo essere sottovalutati. Qual è il giusto modo di riportare la legalità in un territorio martoriato da centinaia e migliaia di pagine di cronaca nera? La risposta – secondo Romano De Grazia, Presidente del Centro Studi Lazzati e già Presidente emerito della Corte di Cassazione – è quella di trovare una personalità che riesca ad infondere un senso di fiducia e di legalità, ed è in questa ottica che la candidatura di Giuseppe Brugnano – già Segretario Nazionale CoISP – il Coordinamento per l’indipendenza Sindacale di Polizia – che da tempo si batte per la legalità – prende piede; proprio in questo contesto che il 17 luglio scorso, il Sindacato di Polizia CoISPè stato a San Luca, in vista delle prossime elezioni amministrative. Il Sindacato di polizia, ricorda Emilio Musacchio, segretario Generale Provinciale di Reggio Calabria, non ha solo lo scopo di <> all’interno della propria Amministrazione, è assolutamente necessario essere presenti sul territorio promuovendo tutte quelle attività finalizzate a stimolare la crescita culturale e sociale, adoperandosi per la ricerca di soluzioni unitarie, al fine di rendere più sicuri e vivibili i territori in cui si opera; elaborare e promuovere soluzioni, da presentare alle competenti autorità, tutte finalizzate a risolvere in particolare problemi inerenti il recupero ambientale – ad esempio – sotto l’aspetto igienico sanitario, l’urbanizzazione, la cultura, la sicurezza e la pacifica convivenza; stimolare una concreta collaborazione tra le autorità politiche e amministrative al fine di individuare e denunciare sacche di illegalità, che compromettono il senso concreto delle Stato e delle Istituzioni; svolgere costantemente una penetrante attività informativa ed educativa, tale da indurre ogni cittadino ad amare spontaneamente il proprio territorio, sentendolo a tal punto proprio da desiderare di di difenderlo da qualsiasi tipo di
aggressione; svolgere assistenza morale, culturale, ricreativa ed economica a favore degli iscritti e delle loro famiglie; – rappresentare, anche in giudizio, gli interessi generali delle Forze dell’Ordine e degli Organi dello Stato; realizzare iniziative culturali, mediatiche e giudiziarie che, attraverso la promozione dell’immagine dello Stato e delle sue Istituzioni e l’elevazione nel contesto sociale della conoscenza dei compiti istituzionali delle Forze di Polizia, contribuiscano a migliorare il rispetto delle condizioni di sicurezza, legalità e giustizia del Paese; esaltare nella società e fra gli iscritti, l’amor di Patria, la memoria di coloro che sono caduti nell’adempimento del dovere, il culto delle tradizioni, l’impegno verso forme di sviluppo e di progresso in termini di democrazia e di solidarietà. Questo è il Coisp, descritto nell’art. 2 dello Statuto, che è supportato oltre che dal giudice De Grazia, da una “rete” che guarda con attenzione al tema della legalità in Calabria da diverso tempo.
In questo contesto la Segreteria CoISP di Reggio Calabria, non può che non mettersi “a disposizione di un così ampio progetto di legalità”, che potrebbe portare alle amministrative di San Luca un poliziotto candidato, dando nuova linfa ai giovani su quelle tematiche di legalità e sicurezza nella regione che in questo anni hanno smarrito.

CONSAP Polizia di Stato: “Inaccettabile quella sospensione…..”

La CONSAP di Catanzaro nella persona del suo segretario Generale Cunsolo Antonio e del suo Vice segreratario Ettore Allotta, esprime tutta la propria vicinanza al poliziotto sospeso solo per aver fatto una battuta, non offensiva,- condivisibile o meno – in cui faceva riferimento al presidente Boldrini.
Ricordiamoci che soltanto lunedi scorso un agente di Polizia, a Milano, è stato aggredito e si è preso una coltellata da un immigrato clandestino – che poi dopo poche ore ha lasciato il carcere – e nessuno in quella occasione si è indignato.
Ieri un altro agente, che “scortava” con l’auto un immigrato che stava percorrendo l’autostrada, addirittura, in bicicletta è stato sospeso dal servizio solo per una battuta per nulla offensiva. Tra l’altro con il proprio intervento l’Agente ha anche assicurato l’incolumità dello stesso immigrato che pedalava in autostrada frapponendosi con l’auto tra Egli e le altre auto che sfrecciavano tenendo così un comportamento encomiabile.
Condivisibile è il pensiero dell’Agente che sicuramente in un momento di rabbia si è lasciato andare a quelle battute poiché gli immigrati che spesso sono osannati dalla Boldrini stanno – in maniera evidente -mettendo in difficoltà il Paese e questo è innegabile. Non è una battuta stavolta ma una amara verità sotto gli occhi di tutti.
Sospenderlo per una battuta – ribadiamo condivisibile o meno -appare a questo Sindacato una decisione drastica e avventata, troppo grossolana.
Perché l’Agente -seppur lasciatosi andare in esternazioni personali – ha, comunque, compiuto il proprio dovere evitando incidenti per colpa di un atto scellerato dell’immigrato.
Appare evidente ai più che un soggetto che sia immigrato o meno che si trovi a pedalare addirittura su una autostrada – sempre ad altissima pericolosità e alta velocità –potrebbe provocare incidenti anche perdendo la propria vita ma facendola perdere a chi nulla ha a che fare con quell’atto scellerato.
La sospensione inflitta al Collega appare agli occhi di tutti esagerata e la Consap non può esimersi dall’esprimere la propria totale solidarietà.
C’è nel nostro ordinamento sicuramente qualcosa da cambiare!
Si auspica, pertanto, una marcia indietro e che la sospensione alquanto paradossale se raffrontata ai fatti sia immediatamente revocata.

US CATANZARO IN RITIRO: ECCO I CONVOCATI

 Il tecnico Alessandro Erra ha convocato per il ritiro precampionato a Villaggio Palumbo a Cotronei (KR) i seguenti 18 calciatori, partiti questa mattina alla volta della Sila:
1. Caruso Simone
2. Cunzi Evangelista
3. De Simone Gennaro
4. Di Nunzio Francesco
5. Icardi Simone
6. Imperiale Marco
7. Longo Leonardo
8. Maita Mattia
9. Nordi Emanuele
10. Pasqualoni Danilo
11. Riggio Cristian
12. Rizzitano Rosario
13. Sabato Roberto
14. Sarao Manuel
15. Sirri Alex
16. Tavares Diogo
17. Van Ransbeek Kenneth
18. Zanini Matteo.

Di questi, solo Sabato è rimasto a Catanzaro per cure mediche.

Suoni e musica di Calabria nei laboratori della prima Residenza Etnomusicale Giovanile a Isca sullo Ionio. Continuano i laboratori. Aspettando “L’Albero di canto”

ISCA SULLO JONIO –  E’ toccato al maestro Carlo Frascà, esperto di Tecnologia del Suono,  dare il via ai laboratori della prima Residenza Etnomusicale Giovanile, innovativa iniziativa condotta da Danilo Gatto, Antonio Critelli e Salvatore Megna, che si tiene ad Isca sullo Jonio da lunedì 17 luglio fino ad oggi e poi ancora dal 26 al 29 luglio. La tradizione della musica locale ha rappresentato una componente importante dell’identità di una determinata etnia o di un gruppo sociale, mentre oggi, con la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa, come radio, televisione e Internet, le differenze tra le musiche prodotte in diverse parti del mondo sono sempre più tenui. Ciò nonostante, la varietà delle culture musicali ancor oggi esistenti al mondo è stupefacente: dal suono prolungato del dijeridoo degli Aborigeni australiani alle complesse costruzioni melodiche dei flautisti indiani, dai cori intricati dei pigmei dell’Africa centrale ai canti narrativi del centro Europa, le musiche tradizionali possono assumere forme così differenti da essere difficilmente unificabili in un unico insieme. Conoscere la musica popolare, quindi, significa conoscere le proprie radici, recuperare la propria identità. Nella residenza, accanto ai brani proposti dai docenti, verranno messi a confronto anche i materiali prodotti da ciascun partecipante, che ne illustrerà le caratteristiche musicali, i contesti sociali di produzione, le fonti di provenienza. Il programma prevede lo studio del repertorio tradizionale calabrese, l’analisi etnomusicologica supportata da tecnologie audio video e digitali, la pratica musicale e vocale, con la produzione di uno spettacolo originale di 40 minuti circa, che verrà presentato al termine del progetto nel festival L’albero di Canto a Isca sullo Jonio (28/29 luglio), e successivamente nell’ambito di Tarantella Power (Tiriolo, 7/10 dicembre 2017). Dallo studio dei materiali proposti scaturiranno i repertori, arrangiati per piccoli gruppi o per organici più ampi, che verranno organizzati a seconda dei profili dei musicisti il prossimo 28 luglio. Dopo Carlo Frasca, martedì pomeriggio è stata la volta dell’incontro con Peppino Donato che ha incantato i ragazzi con la sua chitarra battente. Dopo il laboratorio, è stato presentato il documentario “Suoni in Aspromonte”, di e con Nino Cannatà. A tutti i frequentanti verrà rilasciato un attestato di frequenza, e un premio per l’esecuzione dei due spettacoli. La partecipazione alla Residenza sarà valutata per il rilascio di crediti formativi da parte del Conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo Valentia.

GITA a SAN NICOLA ARCELLA (ARCO MAGNO) – ISOLA di DINO e BELVEDERE MARITTIMO

Domenica 30 Luglio 2017 Iorfida Viaggi, in collaborazione con il prof. Giuseppe Pisano, organizza una gita di un’intera giornata a SAN NICOLA ARCELLA e BELVEDERE MARITTIMO per fare al mattino un giro in barca e visitare la spettacolare baia Arco Magno e l’isola di Dino con le sue stupende grotte e, nel pomeriggio, per fare una passeggiata nel centro storico di San Nicola Arcella e per visitare, sulla via del ritorno, il borgo di Belvedere con il suo centro storico ricco di tesori d’arte nelle chiese e di terrazze con panorami stupendi e dove è presente il bellissimo convento dei Cappuccini che conserva, da tre secoli, parte delle reliquie di San Valentino, il Santo degli innamorati. Il programma si svilupperà nel modo seguente:
-ore 6,00 partenza da Soverato (di fronte stazione Carabinieri) e previsto arrivo a San Nicola Arcella (con possibilità di soste concordate del pullman lungo il percorso per salita passeggeri da S. Caterina a CZ Lido; da Lamezia Est a Falerna) alle ore 10,10 e imbarco immediato sul battello del capitano Fulvio. Vedremo le meravigliose grotte dell’isola di Dino (“del Leone”, “delle Cascate”, “Azzurra”…) e ammireremo l’Arco Magno con il suo maestoso arco roccioso che incornicia una baia fiabesca con la sua meravigliosa spiaggetta indicata tra le 12 spiagge più belle d’Italia. Si darà la possibilità di fare il bagno in questo luogo incantevole;
-ore 13,30 pranzo libero (si può consumare la colazione al sacco o pranzare nei diversi lidi e locali presenti nella zona a mare di S. Nicola Arcella – ristoranti, rosticcerie…-)
-dalle ore 14,45 fino alle 15,05 partirà un bus navetta per accompagnare i partecipanti al centro storico di San Nicola Arcella con possibilità di osservare la stupenda vista dal Belvedere.
-ore 16,15 partenza per Belvedere Marittimo con previsto arrivo alle 17,15 e visita guidata al centro storico con prima tappa la chiesa del SS. Crocifisso (è presente un seicentesco crocifisso ligneo dichiarato monumento nazionale). La passeggiata proseguirà sino ad arrivare nei pressi del Castello Aragonese, magnifico esempio di fortezza del XV secolo. Dopo aver riscoperto antiche sensazioni medievali, si procederà attraverso caratteristici vicoli sino ad arrivare nella suggestiva piazza “U’ Parminto”. Sul nostro tragitto ci imbatteremo nella più antica chiesetta del paese (1091) poi dedicata alla Madonna del Rosario al cui interno si conserva una pala lignea seicentesca che raffigura i Misteri del Rosario. Dopo avere osservato alcuni tesori contenuti nella chiesa Madre di origine medievale dedicata a Santa Maria del Popolo è prevista la visita al cinquecentesco Convento dei Frati Cappuccini – San Daniele che custodisce, da circa 300 anni, un’ampolla con sangue e frammenti di ossa di San Valentino.
-ore 19,30 partenza per Soverato con previsto arrivo alle ore 22,15 circa.
Quota partecipativa è di 42 euro complessive ( pullman, accompagnatore, escursione in barca, bus navetta etc.). Prenotazioni obbligatorie (posti limitati) presso il negozio “Dolci creazioni” di Soverato, vicino p.zza M. Ausiliatrice (via Comito n.5, di fronte negozio BIBA-uomo). Il posto viene riservato unicamente dopo avere pagato, pertanto non si accettano prenotazioni solo telefoniche. L’organizzazione è esente da qualsiasi responsabilità. Per info: 3471728128-3202292209.