Regione: incontro con sindaci per bonifica siti ad alto rischio

 Catanzaro – ”E’ un altro tassello importante che aggiungiamo alla nostra azione amministrativa in tema di politiche ambientali, che dimostra grande sensibilita’ in questo comparto e l’impegno che mettiamo per cercare di dare risposte concrete e significative ai nostri territori. Questa riunione segue un iter di condivisione e confronto con i sindaci, gia’ avvitato sul tema del sistema depurativo”. Lo ha detto il Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, che, con l’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pugliano e il Direttore Generale del Dipartimento Ambiente, Bruno Gualtieri, ha incontrato, a Palazzo Alemanni di Catanzaro, i rappresentanti dei Comuni calabresi interessati da interventi di bonifica di siti ad alto rischio. Il Dipartimento regionale ”Politiche dell’Ambiente” e’ in procinto di avviare un apposito ”Laboratorio Tematico Settoriale” per l’aggiornamento del ”Piano Regionale di Bonifica dei Siti Inquinati”. Nelle more della definizione del Piano Generale degli interventi e, considerando la scala di priorita’ fissata dal Piano delle Bonifiche (la cui classificazione dei siti attribuisce un livello di rischio da alto a marginale), nonche’ il livello di progettazione raggiunto per la bonifica dei siti ad alto rischio, e’ stato predisposto un ”Piano Stralcio del Piano Operativo Generale” degli interventi per la bonifica dei siti inquinati, dal quale e’ scaturita una graduatoria degli interventi relativi ai progetti operativi di bonifica dei siti ad alto rischio, per complessivi Euro 45.128.750,00. Il Dipartimento Politiche dell’Ambiente ha completato l’attivita’ sui siti ad alto rischio, in modo da acquisire 18 progetti operativi di bonifica, conformi ai requisiti ambientali di cui al D. Lvo n. 152/2006. I Comuni interessati sono, Lamezia Terme, Firmo, Laino Borgo, Davoli, Scilla, Melicucco, Scalea, Polistena, Palmi, Reggio Calabria, Bovalino, Zambrone, Cassano allo Ionio, Lungro, Tortora, Delianuova, Cariati.Il Dipartimento Politiche dell’Ambiente, tenuto conto della necessita’ di procedere all’appalto in tempi brevi, compatibilmente con le procedure di scelta del contraente (di cui al D. Lvo 163/2006 e ss.mm.ii.), completera’, attingendo a fondi propri, la progettazione in itinere con le ulteriori indagini e studi specialistici (di tipo geotecnico, idraulico, sismico, ecc.) necessarie per pervenire ad una piu’ adeguata e completa progettazione di livello definitivo, che consenta ai Comuni beneficiari delle risorse il successivo espletamento delle gare.(ASCA)

VIRUS NEI CELLULARI, ALLARME HACKER.

MILANO – Cyber crime, l’Italia è una preda facile. Venti milioni di persone con almeno un telefonino, il 35% con lo smart phone, l’86% della popolazione iscritta a un social network, la percentuale più alta del mondo. Ma solo due italiani su cento sono in grado di fermare un attacco informatico. È la fotografia sul cyber crime scattata da Clusit, l’associazione italiana sulla sicurezza informatica che ieri ha presentato al Security Summit a Milano il primo rapporto sulla sicurezza. Un dato per tutti: nel 2011 i rapinatori virtuali sono costati agli italiani 6,7 miliardi di euro.
I cellulari con tecnologia touch corrono un forte rischio. I pirati dello smartphone riescono ad attaccare un apparecchio attraverso le porte wi-fi, per esempio craccando il sistema o semplicemente attraverso il blue tooth. Un’altra operazione a rischio è lo scaricare applicazioni dal market di Android, che spesso nascondono virus latenti. Sempre con gli smartphone, a rischio la messaggistica in arrivo durante i collegamenti alla rete. Basta cliccare e nella sim vengono addebitati i costi di service più o meno legali a pagamento.
Ciò che preoccupa di più sono le tendenze. Nei primi mesi del 2012 ci sono stati nel nostro Paese 82 attacchi informatici in grande stile. Obiettivo degli hacker i siti governativi e politici (78 casi) mentre i restanti 4 fatti da cyber criminali a siti di istituzioni economiche. In netto incremento gli attacchi ai singoli, con furto d’identità, di password, clonazione di bancomat e carte di credito.
Nel mercato nero spuntano le armi informatiche. Software, hardware, malware, componenti e virus su commissione. Basta pagare. E il 2012? Tra le prime 50 minacce globali al 1° posto c’è il cyber crime.

 Riccardo Tagliapietra

Intesa presidente Talarico con Associazione donatori organi

REGGIO CALABRIA – Il presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico, ha sottoscritto un protocollo d’intesa con i rappresentanti dell’Aido della Calabria, l’Associazione italiana donatori organi.
”E’ un atto importante – ha detto Talarico – mirato a diffondere la cultura della donazione, valori che possono contribuire a salvare numerose vite umane. Non potevamo rimanere indifferenti dinanzi ad un dato che indica la nostra regione come tra le ultime per la donazione di organi”. (ANSA).

REGIONE: DECISIONI GIUNTA, OK A INTESA SU PROTEZIONE CIVILE

 Catanzaro – La Giunta regionale si e’ riunita – informa una nota dell’Ufficio stampa – sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Scopelliti, con l’assistenza del Dirigente generale Francesco Zoccali. Su proposta del Presidente Scopelliti, di concerto con il Sottosegretario alla Presidenza Franco Torchia, e’ stato approvato lo schema di protocollo d’intesa tra la Regione, il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri e le cinque Prefetture calabresi, relativo al “Sistema di allertamento della Regione Calabria”. Le finalita’ del protocollo d’intesa sono quelle di definire la catena operativa riferita all’attivita’ di monitoraggio ed allertamento per il rischio idrogeologico ed idraulico ai fini di protezione civile. I principi generali, fissati gia’ nella legge 225/1992, istitutiva del Servizio nazionale della protezione civile, prevedono che all’attuazione delle attivita’ di protezione civile provvedano, secondo i rispettivi ordinamenti e le rispettive competenze, le Amministrazioni dello Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e le Comunita’ Montane. La disciplina del sistema di allertamento nazionale, dettata da una Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri, stabilisce i compiti delle diverse componenti del sistema di protezione civile coinvolgendo lo stesso Dipartimento nazionale, le Prefetture e le Regioni. Sempre su proposta del Presidente Scopelliti, e’ stata approvata l’intesa Stato-Regione 2012, relativa al Piano nazionale di prevenzione vaccinale fino al 2014. Su proposta dell’Assessore all’Urbanistica Piero Aiello e’ stato approvato il documento preliminare del Quadro territoriale paesaggistico (QTRP). Su proposta dell’Assessore alla Cultura Mario Caligiuri, e’ stato approvato l’Accordo di programma finalizzato alla promozione di attivita’ di valenza internazionale negli ambiti dell’istruzione e formazione negli istituti superiori della Calabria. Si tratta del progetto “Mundus”, che tende a replicare in cinque di questi istituti, con indirizzo tecnico e professionale, l’accoglienza a studenti egiziani che si sta sperimentando gia’ a Fuscaldo dove, nel settembre scorso, il Presidente Scopelliti ha inaugurato il nuovo anno scolastico.
Sempre su proposta di Caligiuri, e’ stato deliberato di proporre alla terza Commissione consiliare regionale il riconoscimento di interesse locale delle biblioteche dell’Accademia “Montaltiana degli Inculti” di Montalto Uffugo e “Caterini” di Laino Borgo. (AGI)

Punti d’ascolto, Scalzo inaugura quello di via Turco

Prosegue con l’apertura dei punti d’ascolto della cittadinanza, Salvatore Scalzo, il candidato a Sindaco per il centrosinistra. Nel pomeriggio di martedì è toccato alla sede sita in via Alessandro Turco, la stessa che lo scorso anno ha visto il candidato e il suo comitato elettorale lavorare alacremente nella campagna elettorale 2011: La sede del comitato elettorale di via Turco che inauguriamo oggi – ha esordito Scalzo dopo il classico taglio del nastro – è un luogo carico di affezioni e di ricordi. In questo luogo infatti si sono consumati momenti importantissimi che hanno vista la nascita di un progetto politico e di una campagna elettorale “storica” per il capoluogo di regione. Dopo meno di un anno ci ritroviamo qui per dare attuazione e completezza ad un progetto di ampio respiro per la rinascita della nostra città. Con ancora più voglia e grinta rispetto allo scorso anno, convinti più che mai di poter giungere a quel cambiamento che auspichiamo, che abbiamo già in mente, e che per Catanzaro è l’unico modo concreto per rinascere”.“La nostra – ha concluso Salvatore Scalzo – è una rivoluzione possibile, che attueremo seguendo la bussola dell’interesse comune da contrapporre ad un centrodestra carico di ombre, che non ha mai smesso di sostenere interessi particolari della nostra città, e che proprio per questo non può parlare di sviluppo ma solo di conservazione dello stato attuale delle cose”.Nei prossimi giorni, sarà annunciata ufficialmente la presentazione della coalizione sosterrà Salvatore Scalzo alla tornata elettorale del prossimo maggio, e saranno inaugurati altri punti d’ascolto dei cittadini. Il prossimo sarà aperto nel quartiere marinaro.

La redazione

Sergio Abramo incontra i pescatori: «Necessario completare il Porto per rilanciare il settore»

Il quartiere marinaro deve rappresentare il motore economico dell’intera città e per favorire la piena realizzazione delle sue potenzialità turistiche è indispensabile il completamento, nel più breve tempo possibile, dei lavori di realizzazione del porto quale punto strategico in grado di assolvere non solo alla naturale funzione peschereccia, dando risposta ai bisogni dei lavoratori del settore costretti a vivere in un perenne stato di disagio, ma soprattutto a promuovere un adeguato sviluppo turistico del Capoluogo». E’ questo il messaggio che Sergio Abramo ha lanciato in occasione di un incontro con un gruppo di pescatori e lavoratori del settore marittimo. Il faccia a faccia tra Sergio Abramo e i pescatori è stato utile per  individuare possibili soluzioni riguardo alle problematiche strutturali che limitano, di fatto, le potenzialità lavorative di pescherecci e imbarcazioni da carico: «Nel quadro di una più generale programmazione dello sviluppo del territorio in chiave turistica – ha detto il candidato sindaco – la realizzazione del Porto può rappresentare la risposta ideale non solo ai problemi della pesca locale, ma anche per consentire, in attesa di realizzare il più rapidamente possibile lo sviluppo più complessivo, di quella lunga fascia costiera che, ancora oggi, è priva di molti servizi per la nautica da diporto, quali il deposito ed il rimessaggio delle piccole e grandi imbarcazioni. Penso – ha detto Abramo – al porto canale di Giovino, una idea nata durante gli anni in cui sono stato sindaco della città, oggi contenuta nel programma della mia coalizione. Una tale idea, se realizzata nell’ambito di un piano di rinascita dell’intera area costiera, riuscirebbe a dispiegare le potenzialità produttive anche dei cantieri nautici locali, creando nel contempo nuove possibilità di lavoro. E’ necessario anche prevedere, entro l’estate, una gara per l’allestimento di banchine portuali. Intanto – ha detto Abramo – è necessario che i lavori per il completamento della struttura portuale siano completati il più velocemente possibile». Tra le linee programmatiche proposte da Sergio Abramo vi è anche la possibile realizzazione di progetti di formazione e di educazione ambientale per le scuole, volti alla tutela e alla valorizzazione delle risorse naturalistiche locali, «da cui potranno generarsi nuove opportunità di lavoro per i giovani e di crescita del territorio – ha ripetuto Abramo – in piena simbiosi con la vocazione turistica della Marina che non può che essere al centro di un programma di rilancio della città e dei territori che la circondano».

La redazione

Ndrangheta: sgombrato immobile occupato da familiari boss

SERRA SAN BRUNO  – Carabinieri e polizia hanno proceduto a Serra San Bruno allo sgombero di un immobile che era stato confiscato al boss della ‘ndrangheta Damiano Vallelunga, ucciso nel 2009.
L’immobile era stato occupato dai familiari di Vallelunga, che avevano avviato azioni giudiziarie per tornare in possesso della struttura. Il prefetto di Vibo Valentia, Michele Di Bari, ha definito lo sgombero dell’immobile ”un importante risultato per l’affermazione della legalita”’. (ANSA).

TUMORI: PREVENZIONE, DOMANI STAND DELLA LILT A CATANZARO

Catanzaro- Domani, mercoledi’ 21 marzo, dalle ore 10 alle 12.30, i volontari della sezione provinciale Lilt di Catanzaro saranno presenti con uno stand presso l’ambulatorio Lilt sito in via Paparo. L’iniziativa, presieduta dal presidente della Lilt di Catanzaro, Concetta Stanizzi, sara’ l’occasione per divulgare la cultura della prevenzione attraverso la distribuzione di un utile opuscolo ricco di informazioni, indicazioni, consigli e ricette insieme alla bottiglia di olio extra vergine d’oliva. (AGI)

Droga: arrestato ‘corriere’, trasportava sei kg di marijuana

ISOLA CAPO RIZZUTO – La polizia ha arrestato a Isola Capo Rizzuto Gaetano Reale, di 36 anni, mentre trasportava a bordo della propria automobile sei chilogrammi di marijuana. Reale non si e’ fermato ad un posto di blocco a Cutro ed e’ stato bloccato, a conclusione di un lungo inseguimento lungo la statale 106 jonica. Dopo un primo ritrovamento di 47 grammi di marijuana, che Reale aveva addosso, il resto della droga e’ stato trovato dagli agenti in un nascondiglio ricavato nella vettura. (ANSA).

La redazione di S1TV , così come l'amministratore ed i moderatori del sito, non sono altresì responsabili per il contenuto dei messaggi inseriti dagli utenti all'interno dei commenti. Grazie e buona navigazione