SQUILLACE, CONCLUSO CON SUCCESSO IL “TARANTA E DINTORNI”

Si è concluso con un bilancio certamente positivo l’evento “Taranta e Dintorni”, tre serate 12, 13 e 14 Agosto all’insegna della musica e del divertimento. Piazza Castello luogo in cui si è svolta la manifestazione ha registrato un boom di presenze decretando così il successo di queste tre serate. Gli organizzatori facenti parte dell’associazione Aggregazioni, hanno manifestato la loro soddisfazione per la buona riuscita di questa ottava edizione, in particolare il Presidente Damiano Maida e l’assessore Giusy Ciciarello felici di questo buon esito hanno voluto ribadire il loro impegno anche per gli anni a venire, riconoscendo che Taranta e dintorni è ormai una manifestazione conosciuta e consolidata. I gruppi che si sono esibiti nel corso delle tre serate: Almafolck, Kalavria, Skapizza, Sabatum Quartet , Etnosound e Korabattenti, Amakorà, Parafonè e Marvanza hanno infiammato gli animi dei tanti presenti che si sono cimentati in un’allegra tarantella di gruppo, ballando fino a tarda notte. Ma Taranta e Dintorni ha avuto come obiettivo anche quello di promuovere cultura ed arte, a tal proposito sono stati ideati dei veri e propri percorsi lungo le vie della suggestiva cittadina, con l’esposizione di mostre d’arte, visite guidate nei diversi siti storici: Castello Normanno, Museo Civico del Medioevo, Cattedrale di Squillace, Chiesetta Gotica di Santa Maria della Pietà, corsi teorico-pratici di tarantella gratuiti, valorizzazione dell’ arte della ceramica Squillacese. Inoltre gli stand enogastronomici presenti hanno consentito di creare quel legame sinergico tra enogastronomia e promozione turistica. Un evento quindi quello di “Taranta e dintorni” tra arte musica e mestieri che certamente rimarrà nel cuore dei molti che vi hanno preso parte.

Stefania Abbruzzo

Summer Arena, domani sera è il turno di Alessandro Mannarino e del suo “Apriti cielo” tour

Prosegue a ritmo sostenuto la programmazione della Esse Emme Musica di Maurizio Senese alla Summer Arena di Soverato.

Dopo i successi incassati con il LYD EDM Festival e il concerto di Benji e Fede che hanno richiamato nella cittadina ionica fan e appassionati da tutta la regione e non solo, la Summer Arena continua a confermarsi centrale per gli appuntamenti live dell’estate, unica per tutta la regione, e sta dimostrando, qualora ci fossero ancora dubbi, come una realtà quale la Esse Emme Musica riesca a fare cultura in maniera imprenditoriale, imponendosi come industria per lo sviluppo del turismo regionale, capace di attrarre, in questo caso a Soverato, spettatori provenienti da tutta Italia e anche dall’estero.

Domani sera, per gli appuntamenti in cartellone alla Summer Arena, è il turno di Alessandro Mannarino. Attualmente in giro per l’Italia con la “leg” estiva dell’Apriti cielo tour, Mannarino è protagonista di un nuovo show rinnovato negli arrangiamenti, nella scaletta e nella scenografia. Sul palco Mannarino canta, oltre ai “grandi classici” che lo hanno consacrato oggi come uno dei più amati e apprezzati cantautori italiani, anche le canzoni dell’ultimo album “Apriti Cielo. Durante la leg estiva la band che accompagna Mannarino in questo meraviglioso viaggio sarà ancor di più al centro della scena: una carovana di 11 musicisti e polistrumentisti di livello che si accompagneranno con oltre 30 strumenti provenienti da tutto il mondo. Sul palco l’elemento trainante sono percussioni e batteria. Le prime suonate dal brasiliano Mauro Refosco, conosciuto per essere il percussionista dei Red Hot Chili Peppers e della band Forrò in the dark, per aver suonato con David Byrne e Brian Eno e per essere parte del super gruppo Atoms for Peace. Alla batteria uno dei più apprezzati musicisti italiani, Puccio Panettieri, che vanta collaborazioni con i più importanti artisti italiani. Alle chitarre ci sarà Alessandro Chimienti che accompagna Mannarino dal 2009 e che in questa occasione suona anche guitalele, banjio, chitarra portoghese e ronroco. Alle chitarre Giovanni Risitano e alla chitarra classica, cavaquinho e sitar Paolo Ceccarelli. Al basso e contrabbasso un altro elemento storico della band, Niccolò Pagani. Alle tastiere e alla fisarmonica Mauro Menegazzi. Ai fiati Renato Vecchio e Antonino Vitali che suoneranno sax, tromba, flauto traverso e flicorno, ma anche flauti indiani, shalumeau e duduk armeno. Al violino Lavinia Mancusi che insieme a Simona Sciacca, con Mannarino dagli esordi, sono i cori del live.

Ringraziando gli sponsor regionali e nazionali, oltre che l’Amministrazione comunale di Soverato con il sindaco Ernesto Alecci per il supporto costante, Maurizio Senese ha pure ribadito altre due importanti collaborazioni che contribuiscono a valorizzare il progetto Summer Arena: il maestro orafo Michele Affidato, che anche a Mannarino consegnerà una sua opera, e l’Avis, presente con uno stand informativo sulle attuali campagne di sensibilizzazione.

Catanzaro-Casertana potrebbe non giocarsi alle 20,30. Maglione: “Sarebbe un peccato”

Catanzaro – Casertana, ore 20,30, Stadio “Ceravolo”. E’ il primo turno di campionato varato dalla Lega di Serie C. Ma l’orario serale potrebbe subire un cambiamento se l’impianto d’ illuminazione non dovesse funzionare correttamente. «E sarebbe un vero peccato – commenta il direttore generale del Catanzaro Calcio, Francesco Maglione – perché una città come questa, con il suo blasone e la sua tradizione calcistica, dovrebbe cogliere l’opportunità fornita dalla Lega di disputare le prossime tre gare (due di campionato e una di Coppa) in una fascia oraria più agevole per una maggiore partecipazione del pubblico.
I vertici della Serie C sono venuti incontro alle esigenze manifestate soprattutto dalle grandi società del Sud, tra cui la nostra, e hanno accettato l’idea di far giocare le prime partite di sera. Chiedere l’anticipo alle 16,30 non deporrebbe certo bene: verremmo meno a questa sorta di riconoscimento che la Lega ci ha dato e si rischierebbe, pur senza avere responsabilità, di perdere un pizzico di quella credibilità che come società ci siamo costruita in appena un mese di lavoro.
Inoltre – prosegue – pur certi che anche nel pomeriggio la nostra magnifica tifoseria sarà presente sugli spalti dello stadio, è indubitabile che alle 20,30 si garantirebbe una maggiore affluenza e si godrebbe certamente di uno spettacolo più affascinante, considerato l’indiscusso appeal che hanno le partite che si disputano in notturna».
Il direttore generale si augura che il dubbio sull’adeguato funzionamento dei riflettori del “Ceravolo” sia presto fugato da chi di competenza visto che, tra l’altro, «lo sforzo andrebbe fatto per le sole notturne in calendario fissate nel periodo estivo: sarebbe davvero sconveniente e un disagio per la città – conclude Maglione – dover chiedere un cambio di orario».

A Pianopoli il Primo Festival di arte di strada e musica “Magia d’estate”. Appuntamento sabato 19 e domenica 20 agosto dalle 20.30 alle 24

PIANOPOLI –  Clowns e giocolieri, fachiri e maghi, acrobati e trampolieri. Le strade diventano teatri formidabili e inconsapevoli di eventi pieni di emozioni dove gli artisti regalano effimere emozioni che svaniscono quando si chiudono i bauli e le valigie di maschere e costumi.
Per due giorni – sabato 19 e domenica 20 agosto – ogni angolo di Pianopoli diventerà palcoscenico per gli artisti di strada, “pittori di piazze e dispensatori di sogni” a caccia dello sguardo stupito dello spettatore, in quello che è il Primo Festival di arte di strada e musica di Pianopoli, organizzato dal Comune guidato dal sindaco Gianluca Cuda, dalla Proloco di Pianopoli e dall’associazione culturale “Stella del Tirreno”.
Appuntamento, quindi, dalle 20.30 alle 24 con “Magia D’Estate”, che si concluderà domenica 20 con il concerto di Dharma Music Tribe.

Guardia costiera di Soverato, due sequestri per mancata copertura assicurativa

Anche nella mattina odierna, è continuata l’attività di controllo dei militari della Guardia Costiera di Soverato, coordinati dal Comandante, Tenente di Vascello (CP) Claudia Palusci, in sinergia con gli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Roccella Jonica, al comando del Tenente di Vascello (CP) Sub. Pietro Alfano e della motovedetta CP 760, del medesimo Ufficio marittimo.
In particolare, sono state espletate numerose ispezioni volte a garantire la tutela delle risorse ittiche, mediante appositi accertamenti mirati a verificare la regolarità degli attrezzi da pesca impiegati da pescatori sportivi e professionali, sull’intera fascia di giurisdizione del Circondario Marittimo di Soverato.
Nello specifico, i militari della Guardia Costiera di Soverato intervenuti con una pattuglia terrestre, con l’ausilio della Motovedetta CP 769, dislocata presso il dipendente Ufficio Locale Marittimo di Catanzaro Marina e della Motovedetta CP 760 della Guardia Costiera di Roccella Jonica, entrambe in servizio di pattugliamento marittimo, hanno sottoposto a controllo due unità da diporto nelle acque prospicienti il comune di Santa Caterina dello Ionio. Il personale militare operante ha proceduto al sequestro amministrativo di entrambi i motori marini fuoribordo, installati sui natanti suddetti, per l’accertata mancanza della copertura assicurativa, elevando altresì una sanzione amministrativa di € 848,00 a carico di ciascun proprietario/conduttore.
Successivamente, durante il pattugliamento congiunto delle Motovedette in parola, veniva sottoposto a controllo un motopesca a bordo del quale si riscontrava l’imbarco irregolare di n. 1 marittimo, non regolarmente trascritto sul ruolino d’equipaggio. Veniva effettuata la relativa contestazione al comandante dell’unità da pesca e si elevava n. 1 verbale amministrativo dell’importo di € 308,00.
La Motovedetta CP 760, dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Roccella Jonica, nelle acque antistanti il comune di Monasterace, intercettava un natante da diporto a bordo del quale si trovava n. 1 rete da posta “tipo derivante” di circa 60 mt. di lunghezza. Pertanto, il personale militare procedeva ad elevare un verbale amministrativo dell’importo di € 1000,00 per detenzione di attrezzo da pesca non consentito e contestualmente effettuava il sequestro amministrativo del medesimo.

Gizzeria, rivenuto fusto sospetto sulla spiaggia

Gizzeria – Sulla spiaggia in contrada Marinella è stato rinvenuto un fusto sospetto. Sul posto inizialmente i Vigili Urbani che allertavano il Comando Provinciale Vvf di Catanzaro. La zona interessata è stata prontamente fusto sospetto gizzeriadelimitata con nastro segnaletico per garantire sicurezza durante le operazioni. Il nucleo NBCR dei vigili del fuoco, giunto dalla sede centrale di Catanzaro, ha effettuato una verifica di tipo tecnico-strumentale. Dai rilievi effettuati non risulta alcuna traccia di elementi radioattivi ne di sostanze chimiche tossiche o nocive per la popolazione e l’ambiente. Il fusto, recuperato dai vigili del fuoco è stato consegnato a ditta specializzata per le operazioni di smaltimento… Numerosi i bagnanti incuriositi che si trovavano nelle vicinanze ma nessun problema di ordine pubblico.

Modifiche al Regolamento del Gioco del Calcio, il Catanzaro incontra l’Associazione arbitri

L’Assemblea generale annuale dell’IFAB (International Football Association Board ), che si è svolta a Londra nello scorso mese di marzo, ha approvato un’ulteriore serie di emendamenti alle “Regole del Gioco del Calcio” per il 2017/18 che rappresentano la fase finale della più ampia revisione varata nella scorsa stagione.Queste modifiche sono costituite, per lo più, da chiarimenti necessari ad assicurare una sempre maggiore univocità interpretativa.
Il Catanzaro Calcio, su richiesta specifica del presidente Floriano Noto, ha voluto che le novità fossero spiegate a squadra e tecnici direttamente dagli arbitri. Così i vertici catanzaresi dell’Aia (Associazione italiana arbitri), con in testa il presidente Francesco Falvo, hanno tenuto una lezione nel corso della quale sono stati illustrati i punti più importanti della Circolare n° 1 in cui sono contenute queste precisazioni.
«Una sinergia istituzionale, quella tra Aia e Catanzaro Calcio – ha spiegato Falvo introducendo i lavori – che è stata accolta con grande favore dal presidente nazionale Marcello Nicchi, molto sensibile a questo tipo di attività che tendono a legare, attraverso un unico filo conduttore, tutti le componenti del gioco calcio. Tra l’altro, con soddisfazione, possiamo affermare che l’iniziativa voluta dal presidente Noto è stata la prima tenuta con una società di Serie C: il Catanzaro ha fatto da apripista, così come ha confermato anche il responsabile del Settore tecnico nazionale dell’Aia, Alfredo Trentalange, e sono certo che adesso tante altre squadre si attiveranno per organizzarne di simili».
A spiegare, nel dettaglio, le innovazioni è stato Valerio Caroleo, vice commissario nazionale Cai (Commissione arbitri interregionale), il quale ha ricordato come lo scorso anno «sono cambiate 17 regole su 17 e ora, la nuova circolare, semplifica alcuni aspetti rispetto a quelle modifiche, in particolare sul fuorigioco e i falli da ultimo uomo». « Il concetto di base – ha spiegato – è spettacolarizzare ancora di più il calcio. Quindi meno interventi dell’arbitro nel caso in cui il gioco è “genuino” mentre si puniscono di più i falli che ledono l’incolumità dell’avversario. Con questo documento si son volute chiarire regole abbastanza complesse: conoscerle può limitare i provvedimenti disciplinari e le proteste inutili, causa di ammonizioni o, addirittura, di espulsioni».
Molto partecipi i calciatori che hanno più volte chiesto la parola per avere alcune delucidazioni su alcune innovazioni regolamentari all’apparenza più contraddittorie.
Con il presidente Falvo e il vice commissario Caroleo anche Lorenzo Costa, vice presidente vicario della sezione Aia di Catanzaro, Fabrizio Colosimo, referente per l’ Associazione arbitri per i rapporti con il Catanzaro Calcio e Luciano Crispino, referente per il Catanzaro Calcio per i rapporti con l’Aia.
A introdurre l’incontro è stato il presidente Floriano Noto che, alla fine della “lezione” nella quale sono state proiettate slide e filmati su casi pratici, si è detto molto soddisfatto «perché ritengo sia opportuno far dialogare la componente arbitri e quella di calciatori e tecnici: si trovano insieme sul terreno di gioco e tra le parti dovrebbe esserci la massima collaborazione. L’arbitro deve spiegare il perché di alcune sue decisioni e i calciatori devo essere capaci di comprenderle. Solo così il calcio può diventare ancora più credibile e uno spettacolo ancora più godibile. Ringrazio mister Erra, il direttore Doronzo e tutti i ragazzi – ha concluso – che hanno dimostrato grande disponibilità e sono stati parte attiva di questa lezione che non sarà certo l’ultima».

Caffè Guglielmo e Catanzaro Calcio di nuovo insieme

Il “matrimonio”, dopo qualche anno in cui le strade sembravano essersi divise, si rinnova. La Caffè Guglielmo spa, storica impresa catanzarese, da sempre legata alle vicende calcistiche della città, torna ad essere il primo sponsor sulla maglia del Catanzaro Calcio. Con reciproca soddisfazione tra le parti . «Per noi – ha sostenuto Beatrice Volpi, responsabile marketing della prestigiosa azienda del caffè – è un ritorno graditissimo. Il forte legame tra la nostra impresa e i colori giallorossi è evidente già nel nostro logo. La mia famiglia, anche nei momenti più bui, è stata sempre accanto al Catanzaro. Mio nonno, Guglielmo Papaleo, è stato un grande appassionato della squadra  e avrebbe certamente scelto anche lui di stare vicino a questa società le cui intenzioni sono quelle di riportare le Aquile dove meritano. Siamo molto felici – ha concluso – dell’accordo raggiunto e speriamo che il “Ceravolo” possa tornare a riempirsi e che si possano rivivere le belle emozioni di un tempo». «Sin dall’inizio di questa avventura – ha affermato dal canto suo il presidente Floriano Noto – ho sperato che il connubio tra Catanzaro Calcio e Caffè Guglielmo potesse rinsaldarsi. Questo perché conosco, sotto tutti i punti di vista, la bontà di questa importante azienda ma anche per una questione affettiva. Sin da ragazzo, da tifoso giallorosso, ho accostato la squadra allo storico marchio. Per questo motivo, pur avendo ricevuto altre proposte, ho lavorato affinché sulle nostre maglie campeggiasse il marchio della Caffè Guglielmo. Ringrazio tutta la famiglia – ha concluso il presidente – per la disponibilità dimostrata nel sostenere il nostro progetto sportivo».

A BORGIA L’EDIZIONE 2017 DI “DIVERTIAMOCI INSIEME”

BORGIA – Sabato 19 agosto, dalle ore 20.30, nella frazione Roccelletta di Borgia, per il 9° anno consecutivo, si terrà la manifestazione “Divertiamoci insieme Edizione 2017”, inserita nel cartellone estivo “Borgia d’Estate 2017”.
Durante la serata ci si potrà accomodare e gustare le prelibatezze della cucina tipica dell’hinterland Borgese, come le salsicce con peperoni e cipolle, naturalmente il arrostite al barbecue, il tanto amato Morzello, piatto tipico Catanzarese ma che è molto apprezzato e consumato nel territorio Borgese con una ricetta un pò più leggera e rivista rispetto all’originale. Quest’ultimo potrà essere gustato sia in piatto che “nta pitta” (specialità di pane dedicata appositamente a questo piatto).
L’evento, patrocinato dal Comune di Borgia, è stato organizzato dall’Associazione Culturale “U Pirajunu” che ha studiato un format diverso rispetto alle passate edizioni.
La serata sarà aperta dall’esibizione della scuola di Danza “ASD BAILA” di Maria Luisa Scozzafava. A seguire ci sarà lo spettacolo musicale, curato dalla Marasco Comunicazione di Torretta di Crucoli, che proporrà il concerto del suo gruppo “Notte Battente, musica etnico-popolare” di Soveria Mannelli.
L’evento sta diventando un appuntamento imprescindibile ed atteso da tutta la comunità, dove si potrà trascorrere una bella serata con danze e balli di musica tradizionale di tutto il Sud Italia.

Girifalco,sulla proiezione del docufilm “Uscirai Sano”, l’assessore Sestito sottolinea la valenza e l’importanza del progetto

GIRIFALCO – A pochi giorni dalla proiezione del docufilm “Uscirai Sano”, realizzato da Barbara Rosanò e Valentina Pellegrino, l’assessore comunale alla Cultura, Elisabetta Sestito, ha voluto sottolineare la valenza e l’importanza di un progetto che, al suo debutto, ha registrato un incredibile successo di pubblico e di apprezzamento. “Ci tengo a ringraziare – ha dichiarato l’assessore – la mia gente, il mio paese, le due talentuose registe, un attore protagonista, tanti ruoli, tante parti. Tutti accomunati dalla straordinaria capacità di trasmettere un’ emozione, un sentimento, una vibrazione dell’anima. Siamo uomini non macchine -e come tali- bramosi di sensazioni che nutrono l’ essere arricchendolo nel suo interno. Assistendo alla proiezione del docufilm ho rivissuto alcuni luoghi, ho rivisto personaggi del mio bel paese che non ci sono più, ma che hanno lasciato una nobile impronta su questo lembo di terra, (il poeta Francesco Zaccone ad esempio) ho provato, immedesimandomi, come ci si sente ad essere diverso, a sentirsi solo, a non ricevere una visita, ad osservare con gli occhi un telefono che rimane muto. Ho sentito la sofferenza dell’elettroshock, il freddo, il pianto per una carezza mancata, la solitudine, la disperazione, ma ho anche imparato che una donna dello psichiatrico nel 1904 soffriva di Alzheimer quando la patologia venne identificata solo nel 1907. Ho sentito parlare di tecniche riabilitative e di modelli educativi, attraverso le testimonianze di due eccellenti professionisti – quali Salvatore Ritrovato e Amalia Bruni – di tentativi di evasione da quel posto dove follia, solitudine, malattia, speranza si intersecavano e dal quale solo qualcuno ne usciva sano. Guardando “Uscirai Sano” una lacrima ha solcato il mio volto, una lacrima di affetto per tutte la gente che si è succeduta in quel posto, e le cui urla forse si sono perse nel vento. Di questo va dato merito ai giovani promotori di un progetto che, sono certa, continuerà a far parlare di Girifalco in tutto il Paese”.

La redazione di S1TV , così come l'amministratore ed i moderatori del sito, non sono altresì responsabili per il contenuto dei messaggi inseriti dagli utenti all'interno dei commenti. Grazie e buona navigazione